Acqua potabile dal vento contro la sete nel deserto: l'idea di un'azienda francese

di 17.01.2013 15:08 CET
Parco eolico.
Immagini di un parco eolico al tramonto (foto di repertorio). Reuters

"Dateci il vento, noi vi daremo l'acqua". Questo è il motto di Eole Water, produttore francese, la cui idea non mancherà di farsi notare e di cui sentiremo parlare ancora a lungo. Semplice quanto utile: sfruttare l'umidità naturalmente presente nell'aria, catturandola e filtrandola per rendere potabile l'acqua raccolta. L'obiettivo minimo è pari a 1.200 litri di acqua al giorno prodotta, ma l'azienda ha annunciato lo sviluppo di un prototipo che alzerà, e non di poco, tale soglia fino a 5.000 litri quotidiani. Ma non è soltanto un'idea, perché la turbina WMS1000 sarà presto in commercio.

Un test, stando al sito ufficiale della Eole Water, è stato avviato a novembre 2011 in uno stabilimento di produzione dell'acqua a Mussafah, vicino Abu Dhabi. I risultati sono stati coerenti con le promesse: 62 litri all'ora di acqua potabile a circa 24° C. Inoltre, altrettanto positiva la qualità dell'acqua, che ha rispettato e superato i requisiti minimi richiesti dalla World Health Organization.

L'impatto ambientale è praticamente nullo. "Eole Water ha voluto offrire una tecnologia innovativa in linea con i requisiti di sviluppo sostenibile odierni. L'energia del vento è l'unica fonte necessaria per alimentare le turbine di produzione dell'acqua. Non viene rilasciata CO2, nè viene pompata l'acqua del sottosuolo nè quella di superficie".

Un'invenzione che nasce dalla giovane mente di Marc Parent, quando nel 1997 viveva nei Caraibi. La ricerca è durata 15 anni ed è costata circa 2 milioni di euro. Ma sembra che i frutti non siano mancati in quella che potrebbe essere un significativo passo avanti per combattere la sete nei paesi più caldi. L'Africa, infatti, è stata tra i primi pensieri dell'inventore: "Ho costruito Eole Water con l'obiettivo di distribuirlo in Africa, in molti paesi non c'è acqua a sufficienza e i pozzi costruiti dalle Ong s'asciugano rapidamente. Con queste turbine, il problema è risolto".

LEGGI ANCHE

Fotovoltaico adesivo e flessibile per qualsiasi superficie

Greendiesel, il carburante ricavato dai rifiuti. Lo sperimentano in Piemonte

Commenti