Al via gli incentivi per la mobilità elettrica…anzi ecologica e per le flotte

Approvato il Decreto in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale

  | 06.02.2013 12:23 CET
Sito Ministero Sviluppo Economico
Home page del Sito

Sono stati presentati, poi rinviati. Sembrava la solita storia all'italiana con la politica dell'annuncio a cui non si da mai seguito. Invece i  tanto attesi incentivi per la mobilità ecologica sono al nastro di partenza. Il Decreto Attuativo del Ministero per lo sviluppo economico è già stato approvato e si attende solo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Quanto basta per lanciare una prima comunicazione ufficiale. Il Ministero si è appoggiato a Invitalia per predisporre un primo strumento operativo. Il sito internet è già on line e raccoglie le informazioni fondamentali. A breve saranno on line anche modulistiche e quanto necessario per approntare le richieste e finalmente dare impulso al settore.

Oltre alla possibilità di sapere in tempo reale lo stato dell'arte dei fondi disponibili. Forse un buon auspicio che finiscano celermente. Gli incentivi per il triennio 2013-2015, hanno uno stanziamento globale di 120 milioni di euro e sono rivolti alla diffusione di veicoli ad alimentazioni alternative (elettrici, ibridi, a metano, a biometano, a GPL, a biocombustibili, a idrogeno) con emissioni di anidride carbonica (CO2), allo scarico, non superiori a 120 g/km. "Dato il carattere sperimentale della misura, non vengono privilegiate particolari tecnologie, ma si rimanda ai limiti oggettivi di emissione, nel rispetto delle ultime raccomandazioni sulla "neutralità tecnologica" espresse dalla Commissione Europea (CARS 21) e dall'Ocse".

Insomma tutti i costruttori auto possono giovarne, anzi non solo, visto che sono ammessi agli incentivi anche i veicoli commerciali leggeri i ciclomotori, i motocicli a due e tre ruote e i quadricicli. Resta infine la priorità di destinazione delle agevolazioni per le flotte aziendali e le vetture a noleggio (car sharing, noleggio, taxi ecc..). Non sarà certamente la soluzione per la crisi dell'auto ma certamente la conferma che i primi passi vanno nella giusta direzione.

 

 

Commenti