Apple Watch dominerà il mercato degli smartwatch fino al 2020 (e oltre)

Apple Watch 2
Apple Watch ripeterà la situazione registrata nel mercato smartphone: sarà il più venduto. Reuters

Il produttore più importante di smartwatch dei prossimi anni? Resterà Apple. Secondo i dati IDC almeno fino al 2020 la società di Cupertino resterà la prima azienda per quantità di smartwatch spediti in tutto il mondo. Android Wear diventerà lentamente un concorrente paritario, ma Apple resterà il primo produttore.

Una situazione che andrà, insomma, a replicare quanto già accade con gli smartphone: Apple riuscirà a fronteggiare in solitaria i produttori Android Wear, da LG a Motorola passando per Asus, Lenovo e Huawei, uscendone vincente.

Nello specifico, le previsioni degli analisti per il 2016 stimano 28,3 milioni di smartwatch spediti, di cui metà saranno Apple Watch: 14 milioni per essere precisi. Android Wear sarà un distante secondo con 6,1 milioni. Tizen di Samsung chiuderà il podio con 3,2 milioni. Agli altri, Pebble, RTOS, Linux, le briciole.

LEGGI ANCHE: Apple-FBI, Tim Cook non si arrende. Ingegneri pronti a dimettersi se forzati a sbloccare iPhone

La situazione cambierà nel tempo fino al 2020, quando il mercato smartwatch, secondo IDC, raggiungerà una posizione più solida: 82,5 milioni di unità spedite, il 31 per cento in più rispetto al 2016.

Previsioni smartwatch 2016 - 2020 Nel 2020, watchOS e Android Wear si divideranno circa due terzi del mercato smartwatch.  IDC

Nel 2020 sarà ancora watchOS, il sistema operativo alla base di Apple Watch, a fare da padrone con il 37,6 per cento del mercato. Tra quattro anni, però, Android Wear avrà finalmente una base forte che, stando agli analisti di IDC, sarà di circa il 35 per cento. Tizen di Samsung invece è destinato a crescere di poco, ossia del 14 per cento, in termini di volume; la sua percentuale di mercato, al contrario, calerà di cinque punti.

“Sebbene smartwatch come Apple Watch o i dispositivi Android Wear cattureranno le luci della ribalta, rappresenteranno solo un quarto di tutti gli indossabili nel 2016 e cresceranno di circa un terzo entro il 2020” ha spiegato Jistesh Ubrani, analista senior presso IDC.

Apple Watch in vendita in Italia Perché Apple Watch viene considerato un flop se ha venduto (secondo gli analisti) almeno 12 milioni di unità in un anno?  IBTimes Italia/Luigi Garofalo

La crescita non arriverà da Apple, Samsung o da Google, ma dalle società svizzere che inseriranno piccole funzionalità “smart” nei propri prodotti: “È giunto il momento di iniziare a pensare a orologi più intelligenti, ossia orologi tradizionali dotati di alcune funzionalità di tracciamento del sonno o dell’attività fisica ma incapaci di sfruttare le app, realizzati dai produttori tradizionali. Questi dispositivi hanno il potenziale di rendere la tecnologia invisibile e al contempo integrarsi nelle attività quotidiane”.

Quel che è certo è che i produttori svizzeri devono fare qualcosa per contrastare l'avvento degli smartwatch. Gli ultimi dati di vendita, infatti, hanno rivelato che gli smartwatch hanno sorpassato gli orologi svizzeri per la prima volta e probabilmente questo trend è destinato ad aumentare anziché affievolirsi. Più accattivanti, più funzionali e più moderni, gli smartwatch hanno fatto breccia nel cuore dei consumatori. Non tutti sono ancora pronti a saltare sul carro degli indossabili: vengono preferiti i dispositivi per il fitness, ritenuti meglio complementari all'esperienza smartphone rispetto a un Apple Watch o a Samsung Gear S2, per esempio.

Con l'arrivo di smartwatch più eleganti, più economici e più funzionali, la diffusione è destinata a crescere. Lo sanno anche i produttori svizzeri stessi, i più storici. Tag Heuer, per esempio, ha commercializzato quello che è, fino ad oggi, lo smartwatch Android più costoso al mondo. Swatch invece si è fermata a un orologio con chip NFC per i pagamenti mobile.