Mondo

Kim Jong Un

"You are an idiot": Il gruppo hacker che ha attaccato Sony deride il FBI

Il gruppo hacker che ha rivendicato l'attacco informatico lanciato nei confronti di Sony per impedire la proiezione del film "The Interview" ha postato un nuovo messaggio sulla piattaforma di file sharing Pastebin per prendere in giro il Federal Bureau of Investigation degli Stati Uniti.

10:55 by Thomas Halleck

Venezuela

L'accordo fra USA e Cuba mette nei guai il Venezuela (ma soprattutto il suo presidente)

Il successore di Chavez, Maduro, oltre alla grave crisi economica e al tracollo dei prezzi del petrolio su cui si basa l'economia del Venezuela, adesso deve digerire anche il "tradimento" del suo miglior amico, Cuba, riavvicinatosi agli Stati Uniti. L'isolamento è sempre più grave, e sarà aggravato dalle prossime sanzioni degli Stati Uniti.

08:57 by Brianna Lee

Kobane vista dal confine turco

Le eredità belliche del 2014 e i conflitti da tenere d'occhio nel 2015

Dallo Stato Islamico all'Ucraina, il prossimo anno rischia di raccogliere le pesanti eredità e di continuare sulla falsa riga del 2014, caratterizzato da violenze e brutalità che hanno coinvolto (e che coinvolgeranno nel 2015) soprattutto Medio Oriente, Europa, Asia e Africa.

17:21 by Luca Lampugnani

Nordcorea

Sony Hack, Obama annuncia "risposte" alla Corea del Nord: ecco le 8 opzioni sul tavolo

Un insolitamente vivace Obama ha annunciato ritorsioni per l'attacco informatico contro Sony, accusando esplicitamente la Corea del Nord. Gli USA possono considerare (almeno) 8 tipi di risposte diverse, ma ognuna di essere comporta rischi piuttosto elevati (compreso quello di essere totalmente ...

15:36 by Giovanni De Mizio

Un combattente dello Stato Islamico marcia con la bandiera dell'organizzazione a Raqqa, Siria

Stato Islamico: chi insulta Allah, Maometto o l'Islam è condannato a morte

È quanto previsto dal nuovo "codice penale" dello Stato Islamico. Nel lista del documento diffuso nel web il 15 dicembre figurano numerosi crimini e relative pene. Per chi rapina o commette un omicio è prevista la morte per crocifissione. Lapidazione a morte in caso di adulterio se si è già sposati.

19.12.2014 by Luca Lampugnani

Iran

Perché l'Iran non è come Cuba (e perché il disgelo con gli USA potrebbe non essere dietro l'angolo)

Caduto un pezzo di muro fra Cuba e USA, qualcuno si è chiesto se questo non sia un preludio ad un disgelo anche fra Stati Uniti ed Iran. Le differenze fra Iran e Cuba, però, non potrebbero essere più grandi, soprattutto perché le sanzioni contro l'Iran, al contrario di Cuba, stanno funzionando ...

19.12.2014 by Giovanni De Mizio

Combattenti curdi nelle vicinanze del Monte Sinjar

Iraq, peshmerga curdi liberano Monte Sinjar. USA: colpiti "obiettivi IS di alto valore" con i raid

Con un'offensiva congiunta via aria e terra, il Monte Sinjar, nel Nord-Ovest dell'Iraq, è stato liberato dall'assedio del califfato. I combattenti curdi hanno aperto un corridoio umanitario per salvare gli yazidi ancora sulla montagna, intanto gli Stati Uniti annunciano di aver colpito nelle ultime settimane almeno 3 leader militari di primo livello dello Stato Islamico.

19.12.2014 by Luca Lampugnani

Giovani miliziani del gruppo Seleka

Repubblica Centrafricana: nascere e crescere nell'inferno bellico

Secondo Save The Children il numero dei giovani e giovanissimi soldati costretti ad unirsi al conflitto è più che raddoppiato nel corso degli ultimi due anni, rivelando un ulteriore aspetto negativo della crisi profonda in cui è bloccato il Paese.

19.12.2014 by Luca Lampugnani

Putin

Putin incoraggia la Russia: «Usciremo dalla crisi entro due anni»

Putin prova a difendere la propria posizione incoraggiando i russi a resistere: riconosce che le sanzioni hanno colpito la Russia, ma spiegano solo in parte la crisi economica in arrivo. Il problema è la troppa dipendenza dal petrolio, e Putin annuncia di voler risolvere la questione della scarsa diversificazione.

18.12.2014 by Redazione IBTimes Italia

Tre donne indossano il niqab

Arabia Saudita, infuria il dibattito sul niqab: si è aperta una crepa nel conservatorismo della monarchia?

Un religioso di alto profilo ha lanciato alcune aperture rispetto alle donne, all'obbligatorietà del niqab e all'utilizzo del trucco che hanno suscitato la rabbia dei conservatori e la risposta piccata del Gran Mufti.

18.12.2014 by Luca Lampugnani

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci