• Share
  • OkNotizie
  • +12
  • 0

Di Graziana Russo | 30.11.2011 12:40 CET

La Direzione Distrettuale Antimafia di Milano ha disposto l'arresto del magistrato calabrese Vincenzo Giglio, 51 anni, Presidente della Corte D'Assise, esponente di spicco di «Magistratura democratica» e docente di diritto penale alla Scuola di Specializzazione per le professioni legali dell'Università statale Mediterranea di Reggio Calabria. Giglio in passato è stato protagonista di azioni contro la 'ndrangheta ma, secondo l'accusa mossa nei suoi confronti, facendo leva sul suon incarico di Presidente della sezione "Misure di Prevenzione" del Tribunale di Reggio Calabria, avrebbe favorito proprio le cosche calabresi. Il procuratore aggiunto milanese Ilda Boccassini e i sostituti procuratori Paolo Storari e Alessandra Dolci contestano al Gigli non il reato di concorso esterno nell'associazione a delinquere di stampo mafioso, ma le ipotesi di reato di «corruzione» e di «favoreggiamento personale» di un esponente del clan Lampada, con l'aggravante di aver commesso questi reati «al fine di agevolare le attività» della 'ndragheta.

Seguici su Facebook

Nell'ambito della stessa inchiesta sono stati arrestati anche un politico calabrese, Francesco Morelli, e un giudice penalista milanese, Vincenzo Minasi. Francesco Morelli faceva parte del Consiglio Regionale della Calabria, ed era stato eletto nella lista «Pdl-Berlusconi per Scopelliti», molto vicino al sindaco di Roma Gianni Alemanno che l'aveva appoggiato in campagna elettorale. A Morelli sono contestati  i reati di rivelazione di segreto d'ufficio e intestazione fittizia di beni.  L'avvocato Vincenzo Minasi, era difensore di Maria Valle, la giovane figlia del boss Francesco Valle, della quale tempo fa aveva ottenuto l'annullamento dell'arresto in Cassazione.

Anche un altro giudice, in servizio presso il Tribunale di Palmi, è stato perquisito e si tratta di Giancarlo Giusti, indagato per corruzione in  atti giudiziari. Arrestati anche un maresciallo capo della Guardia di Finanza, Luigi Mongelli accusato di corruzione, e il medico reggino Vincenzo Giglio (omonimo del magistrato) imputato per concorso esterno in associazione mafiosa. Tra i nomi degli arrestati figurano anche Francesco e Giulio Lampada, Leonardo Valle e Raffaele Ferminio, arresti domiciliari per Maria Valle, moglie di Francesco Lampada e indagata per corruzione.

 

 

"Ndrangheta, blitz tra Calabria e Lombardia, arrestato giudice.
(Foto: Reuters / Paolo Bona)
"Ndrangheta, blitz tra Calabria e Lombardia, arrestato giudice.
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia citata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +12
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci