• Share
  • OkNotizie
  • +2
  • 0

Di Federico Di Gioia | 09.01.2012 18:10 CET

Dal ministero del Petrolio degli Emirati Arabi Uniti arriva la notizia che la costruzione dell'oleodotto che dovrebbe aggirare lo Stretto di Hormuz potrebbe slittare di qualche mese. "È quasi completo. Speriamo che diventi operativo entro sei mesi, tra maggio e giugno". Questa la dichiarazione rilasciata da Mohammed Bin Dhaen al-Hamli, ministro degli Emirati Arabi, durante una conferenza su temi energetici ad Abu Dhabi. Il completamento del progetto denominato Crude Oil Pipeline Abu Dhabi (ADCOP) era previsto per aprile, il ministro ha, però, sottolineato non solo la necessità di creare l'infrastruttura, ma anche quella di farla funzionare al regime di carico stimato intorno agli 1,8 milioni di barili al giorno. Questo oleodotto, di proprietà della Abu Dhabi International Petroleum Investment Company (IPIC) e costruito con il supporto della China Petroleum Engineering & Construction Corporation (EPC), ha il compito di collegare i giacimenti di Habshan, ad ovest di Abu Dhabi, con il porto di Fujairah, che si affaccia sul Golfo dell'Oman a sud dello Stretto di Hormuz.

Seguici su Facebook


La costruzione dei 370 chilometri dell'ADCOP, resa ancor più urgente dalle recenti minacce iraniane di chiudere lo Stretto di Hormuz, ha generato numerosissimi problemi strutturali che ne hanno inevitabilmente ritardato l'inaugurazione. Molte importanti aziende petrolifere mondiali (Exxon Mobil, Royal Dutch Shell e British Petroleum) si sono impegnate nel progetto, ne possiedono pacchetti azionari di minoranza e sperano che la sua realizzazione annulli la crescente minaccia iraniana, oltre a garantire alle petroliere di accorciare i tempi di viaggio di ben due giorni.

United Arab Emirates' Oil Minister Mohammed bin Dhaen al-Hamli attends the opening of the Ministerial Conference of the Organisation of Arab Petroleum Exporting Countries (OAPEC) in Cairo
(Foto: Reuters / Mohamed Abd El Ghany )
Il ministro del Petrolio degli Emirati Arabi Uniti, Mohammed bin Dhaen al-Hamli
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +2
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci