• Share
  • OkNotizie
  • 0
  • 0

Di David Pascucci | 20.01.2012 12:39 CET

Si chiude oggi l'adc di Unicredit che presta a conculdersi con successo grazie ai forti volumi di scambio e ai prezzi bassi. Al di là dei downgrade massivi di Standard & Poor's, l'azionario percorre dal 9 gennaio (dall'inizio dell'adc di Unicredit) un trend rialzista molto forte. Vediamo ora, dal punto di vista tecnico, come si evolverà l'andamento del Ftse Mib nelle prossime sedute.

Seguici su Facebook

Il primo livello chiave per confermare il trend rialzista in atto è l'area 15680, massimo da inizio gennaio che, se violato con forza, potrebbe portare l'indice verso la resistenza costituita da un doppio massimo a 16160.

La violazione della trendline dei minimi cambierebbe le prospettive sul trend rialzista in atto attendendo conferme short sul taglio della seconda trendline, il che porterebbe l'indice a puntare prima i 14810 al ribasso, poi i 14370. La violazione di quest'ultimo livello sarebbe un vero e proprio segnale di allarme ribassista per l'indice che andrebbe a puntare i minimi del 2011 in area 13120.

Il Ftse Mib si trova quindi in un punto si svolta stretto tra una resistenza e una trendline.

 

 

© International Business Times: riproduzione permessa purché sia citata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • 0
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci