• Share
  • OkNotizie
  • 0
  • 0

Di Redazione IBTimes | 04.06.2012 10:44 CEST

Secondo informazioni rilasciate da funzionari libici le elezioni per eleggere l'Assemblea nazionale libica verrà ritardata fino alla prima settimana di luglio al più presto.
Le prime elezioni dopo la caduta del leader Muammar Gheddafi erano previste il 19 giugno.

Seguici su Facebook

Sono duecento i rappresentanti che dovranno essere eletti con il compito di redigere la nuova Costituzione del paese, ma le autorità dicono di aver bisogno di più tempo per esaminare i candidati. Il sospetto è che si tratti di un'operazione di "epurazione" dei fedeli all'ex regime che potrebbero celarsi nelle liste dei candidati.

Il processo di ratifica per i circa 4.000 potenziali candidati era stato programmato per essere completato entro il 6 giugno.

L'ex vice-commissario elettorale aveva rassegnato le su dimissioni lo scorso maggio perché non credeva che il paese sarebbe stato pronto per il voto nei tempi previsti.

Oltre al vaglio dei candidati, i problemi riguardano la stampa e la distribuzione delle schede in tutto il paese.

Il processo, secondo quanto riferito dai funzionari libici, avrebbe bisogno di almeno quattro settimane, il che significa che di voto non può avvenire prima della seconda settimana di luglio.

Libia
(Foto: Reuters / Ismail Zetouni)
Un uomo cammina davanti ad un murales raffigurante la Libia con i colori della nuova bandiera.
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia citata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • 0
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci