Star del giorno: Joe Manganiello, il sexy licantropo di True Blood

Di Giulia Bazzocchi | 11.06.2012 22:39 CEST
Dimensione testo + -

È un giovane attore statunitense, nato a Pittsburgh, nel 1976 e cresciuto a Mount Lebanon con i genitori e un fratello minore. Già durante gli studi alla scuola superiore dimostra interesse verso la recitazione e dopo la laurea, poco più che ventenne si trasferisce a Los Angeles, con tanti sogni, tante speranze e poche certezze. Ma quando si dice "il fato..." pochi giorni dopo essere approdato nella Città degli Angeli sostiene provino per il ruolo di Peter Parker nel film di Sam Raimi Spider-Man, ma ottiene il ruolo di Eugene "Flash" Thompson, la nemesi di Peter Parker, cosa che gli dà la possibilità di recitare al fianco di attori quali Tobey Maguire, Kirsten Dunst, James Franco e Willem Dafoe. Anche nel 2007, quando è uscito Spider-Man 3 ha ripreso il ruolo.

Seguici su Facebook

Oltre al suo esordio cinematografico, Joe Manganiello recita in diverse produzioni televisive ed è lì che conquista il pubblico, soprattutto femminile, grazie al suo aspetto fisico che non passa certo inosservato. Tra le sue apparizioni vi è Las Vegas, CSI: Scena del crimine, Close to Home - Giustizia ad ogni costo e So NoTORIous. Nel 2007 prende parte alla telenovela statunitense American Heiress, nel ruolo di Solomon Cortez, e in un secondo momento, veste i panni dell'agente Litchman in quattro episodi della serie E.R. - Medici in prima linea, che si fa notare per avere un breve flirt con l'infermiera Samantha Taggart.

La sua carriera come attore televisivo decolla e dunque partecipa a tre stagioni stagioni di One Tree Hill, nel ruolo ricorrente del barman Owen Morello, interesse amoroso di Brooke Davis (interpretata da Sophia Bush) e alla sit-com How I Met Your Mother - Alla fine arriva mamma, nel ruolo ricorrente di Brad, un ex compagno di scuola di Marshall Eriksen.

Il 2010 è il suo anno: Joe Manganiello ottiene riconoscimenti di pubblico e critica, vincendo diversi premi, tra cui un Saturn Award come miglior guest star e uno Scream Award, grazie al ruolo di Alcide nella terza stagione di True Blood, nel ruolo del lupo mannaro Alcide Herveaux, che diventa un personaggio fisso della serie a partire dalla quarta stagione in poi.

Ma non solo. Nello stesso anno Manganiello viene eletto dalla rivista People uno degli "uomini viventi più sexy". Sempre dal 2010 è un attivo sostenitore del "The Art of Elysium", una organizzazione no-profit fondata nel 1997, che incoraggia attori, artisti e musicisti a dedicare volontariamente il proprio tempo e talento ai bambini che stanno combattendo gravi patologie oltre ad impegnarsi personalmente in "Until There's a Cure", un ente di beneficenza dedicato alla lotta contro l'HIV/AIDS. È un grande tifoso dei Pittsburgh Steelers e nel 2007 ha prodotto e diretto un breve documentario intitolato DieHardz, suo un gruppo di tifosi degli Steelers che si incontrano in un bar di Los Angeles.

Nei premi mesi del 2011 l'attore sostiene un provino per il ruolo di Superman per il film di Zack Snyder Superman: Man of Steel, ma anche se sta per ottenere la parte, l'attore è costretto a rinunciare al progretto che sarebbe andato in conflitto con i suoi impegni con True Blood. Solo al termine delle riprese l'attore può lavorare a due film entrambi previsti per quest'anno che sono la commedia Che cosa aspettarsi quando si aspetta di Kirk Jones e Magic Mike di Steven Soderbergh, incentrato sul mondo dello spogliarello maschile. E su quest'ultimo, è facilmente deducibile che avrà un pubblico prettamente femminile in attesa di vederlo al lavoro...! Non a caso, è stato nominato "The Best Summer Body" del 2011 da Men's Health e uno dei "World's 25 Fittest Guys" da Men's Fitness.

 

 

© International Business Times: riproduzione permessa purché sia citata la fonte
Join the Conversation
IBTimes TV