• Share
  • OkNotizie
  • +3
  • 0

Di Giovanni Tortoriello | 19.06.2012 18:49 CEST

Democrazia ma non troppo. Le cosiddette "democrazie occidentali" professano la libertà di informazione e espressione, ma cercano sempre più di censurare i contenuti sul web. La denuncia arriva direttamente da Google.

Seguici su Facebook

Il gigante di Mountain View ha pubblicato sul sito Transparency Report, pagina creata due anni fa per segnalare tutte le richieste di rimozione dei siti gestiti da Google, il semestrale rapporto circa le richieste di rimozione di siti, articoli, blog o video provenienti da autorità governative. I risultati non lasciano spazi a dubbi: la censura nel web è in continua crescita e riguarda sempre più i contenuti politici. Portatori di questi veri e propri attacchi alla libertà di espressione non sono solo i Paesi orientali, ma anche gli enti governativi occidentali.

Nel semestre luglio-dicemre 2011, ad esempio, le autorità governative statunitensi hanno fatto pervenire a Google 187 richieste di rimozione di contenuti, cifra più che raddoppiata rispetto al semestre precedente. Il governo americano, inoltre, ha presentato 6.321 richieste di dati personali e il motore di ricerca ha fornito i dati nel 92% dei casi rivelando circa 12.200 account.

Alle spalle degli Stati Uniti in questa classifica si piazzano India e Brasile, rispettivamente con 2.207 e 1615 richieste di dati personali. Seguono Paesi apparentemente insospettabili, quali Gran Bretagna, Francia e Germania.L'Italia è settima con 844 richieste di dati personali espletate da Google per il 51% dei casi coinvolgendo ben 1.124 account.

I contenuti sgraditi ai governi occidentali sono diversi. Le autorità spagnole hanno chiesto a Google la rimozione di 270 blog, link o articoli cririci nei confronti di personaggi pubblici locali, ma la società si è rifiutata. In Polonia è stato chiesto, invece, di eliminare un articolo critico nei confronti dell'Agenzia polacca per lo sviluppo delle imprese; anche in questo caso Google si è rifiutata. E un'ulteriore risposta negativa ad una richiesta di rimozione di contenuti è arrivata anche alle autorità canadesi le quali pretendevano da Google l'eliminazione di un video da You Tube nel quale si mostra un cittadino canadese urinare sul proprio passaporto, prima di buttarlo nel water. Anche l'Italia aveva chiesto a Google nella prima metà del 2011 di eliminare da You Tube un video satirico nei confronti di Silvio Berlusconi, ma il gigante americano ha risposto negativamente.

In altri casi Google ha concordato con i governi sulla necessità di espungere dalla rete determinati contenuti. Ad esempio gli analisti di Mountain View hanno accettato la richiesta delle autorità britanniche di eliminare cinque account You Tube che inneggiavano al terrorismo. Per quanto riguarda gli Stati Uniti, le autorità hanno chiesto la rimozione di 187 contenuti da You Tube, ma Google ha concordato solo nel 42% dei casi. Particolare il caso del Brasile. In questo Paese i limiti imposti dalla legge, come il divieto di fare parodie di candidati politici in periodo elettorale, hanno indotto i tribunali locali a costringere Google alla soppressione di diversi account a causa dei loro contenuti politici.

Dorothy Chou, analista di Google, ha espresso la propria preoccupazione per l'aumentare dei tentativi di censura del web. "Questo preoccupa non solo perchè si mette in discussione la libertà di espressione- ha spiegato l'esperta- ma perchè alcune di queste richieste arrivano da Paesi insospettabili, democrazie occidentali che solitamente nessuno accosterebbe mai a comportamenti censori".  

 

 

Google
(Foto: Reuters / )
Google
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia citata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +3
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci