• Share
  • OkNotizie
  • +8
  • 0

Di Luca Marra | 26.06.2012 08:42 CEST

 

Le Iene, il primo film di Quentin Tarantino, torna al cinema dopo 20 anni: Paco Pictures lo riproporrà il 26 e il 28 giugno nei cinema del circuito The Space, con due proiezioni evento e poi dal 6 al 13 luglio, con la classica programmazione. Era il 9 ottobre del 1992 quando in Italia al cinema usciva Le Iene - Cani da Rapina esordio di Quentin Tarantino che era già un manifesto a lettere cubitali del suo cinema: 272 volte la parola 'fuck' ripetuta nel film, dialoghi lunghi e pop come l'indimenticabile sequenza iniziale sul significato di Like a Virgin di Madonna, sangue e scorrettezza, pare che sul set sia stato chiamato un paramedico per assicurarsi che la perdita di sangue di Mr. Orange (Tim Roth) fosse realistica, ma soprattutto quella straordinaria gestione del tempo, il mix di flashback e flashforward che lo consacrò all'Olimpo del cinema due anni dopo con Pulp Fiction.

Seguici su Facebook

Le Iene ha precedenti di lusso come Rapina a mano mrmata di Stanley Kubrick (1956) e vent'anni fa era già cinema ultramoderno per la situazione di acronia ovvero lo sviluppo narrativo delle vicende che non segue uno schema cronologico lineare inizio-fine, schema ripreso anche, ad esempio, nella fiction Lost di J.J. Abrams nata nel 2004. Per non parlare poi del citazionismo tipicamente post-moderno: un frullato d'influenze cinefile che vanno da John Woo a Godard. Il film fu presentato per la prima volta al Sundance Festival e prese l'etichetta di 'pellicola rivoluzionaria', la trama riguarda sei malviventi interpretati da un supercast: Harvey Keitel, Michael Madsen, Chris Penn, Steve Buscemi, Lawrence Tierney, Eddie Bunker, Tim Roth e lo stesso Tarantino impegnati in una rapina di diamanti. I sei personaggi in giacca e cravatta non si conoscono e non hanno nomi, solo soprannomi, ognuno quello di un colore. I loro destini s'intrecceranno su scie di sangue lungo tutto il film. La sceneggiatura è di Tarantino e Roger Avary, che scriverà con lui anche Pulp Fiction. Altra caratteristica del film: non c'è una colonna sonora originale, ma tutte le musiche sono pezzi già editati e piazzati con tocco pulp nella pellicola, ad esempio Stuck in the Middle With You degli Stealer's Wheel durante la sequenza 'grondante sangue' dell'interrogatorio.

 

Quentin Tarantino
(Foto: Reuters / )
Quentin Tarantino
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia citata la fonte
  • Rate this Story
  • +8
  • 0
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia citata la fonte

Partecipa alla discussione

IBTimes TV
Follow IBTimes Entertainment