ITALIA-GERMANIA. Balotelli: "In finale ne faccio quattro". Buffon: "Non dobbiamo scherzare col fuoco"

Di Marco Ferri | 28.06.2012 22:48 CEST
Dimensione testo + -

PRANDELLI
"Gli ultimi 15 minuti abbiamo sbagliato due volte il 3-0 e c'erano giocatori che non ne avevano più. Siamo stati molto attenti, abbiamo fatto una partita straordinaria. La chiave del successo? Abbiamo fatto quelle cose che abbiamo pensato potessero mettere in difficoltà questa squadra. Giocavamo centralmente cercando Montolivo e l'uno contro uno con Cassano. Balotelli? La sua carriera è appena iniziata. Spagna favorita? Assolutamente sì, ma noi ci siamo. Cosa significa il successo? Abbiamo dato un esempio di concretezza ed attaccamento alla maglia. Quando si parla di Italia dobbiamo stare sempre tutti molto attenti".

Seguici su Facebook

BALOTELLI
"L'immagine più bella? A fine partita quando ho incontrato mia madre. Cosa mi ha detto? Lei niente, io le ho dedicato. Lei è una certa età e desideravo farla contenta. In finale viene anche mio padre e spero di farne 4. Classifica cannonieri? Mi serve un gol, ci proverò. A volte fai tanti tentativi e non entrano. Gli assist di Cassano? Solo lui può fare una cosa del genere. L'esultanza? Bè, l'avevo detto. Ammonizione? Qualcuno si è arrabbiato perchè ha visto il mio fisico e sono gelosi. L'assist di Montolivo? Grande palla. La sostituzione? Avevo i crampi perchè ero stanco già dalla partita con l'Inghilterra. Ho detto a Prandelli di aspettare cinque minuti ma il cambio era già fatto. Pellegrinaggio? Secondo me ci mandano anche stasera. I saluti ad inizio partita? C'era tutta la mia famiglia, avere le persone più care vicino mi ha caricato. Nel calcio conta anche la fortuna, stasera ho avuto poche occasioni e le ho sfruttate. Tornare in Italia? Per adesso no, rimango in Inghilterra. I tifosi del City mi vogliono bene nonostante li abbiamo eliminati. Svolta della mia carriera? Penso che questa sia stata la serata più bella della mia vita, ma domenica voglio migliorare. Conta vincere, anche se gioco male. Spagna? Dobbiamo stare tranquilli, non dobbiamo innervosirci sul loro possesso. Finora siamo stati gli unici a fargli gol e non dobbiamo avere paura. Quale gol sento più mio? Tutti e due, sono due gol importanti e sono serviti per vincere la partita. Sono due gol che ricorderò allo stesso modo. Che musica ascolto? Drake, un mio amico. E' hip-hop".

BUFFON
"Perchè ero arrabbiato? Perchè si sta giocando per un qualcosa di unico e di troppo prestigioso, per cui non è giusto, per la partita che avevamo fatto, soffrire negli ultimi cinque minuti e scherzare col fuoco. Se alla fine con un rimpallo fortuito avessero fatto il 2-2, ai supplementari sarebbe finita 9-2 per loro. Le partite, quando si può, vanno vinte in maniera agevole. Le valutazioni non le faccio in base alle vittorie o alle sconfitte, ma in base ad atteggiamenti che dobbiamo migliorare. Siamo giovani, a parte qualche vecchietto ed è giusto che i vecchietti rompano le scatole. Lezione di calcio alla Germania? Non esageriamo. Abbiamo fatto un'ottima partita e potevamo vincere in maniera più larga. Le partite cambiano con poco, oggi siamo stati molto bravi e ci è andato tutto bene. Per un portiere come me, penso che sia un'ottima risposta. Sullo 0-0 siamo stati fortunati su 2-3 rimpalli, se prendi gol la partita cambia. Bisogna essere lucidi ed onesti ad analizzare le cose a 360 gradi, non soltanto in base al risultato finale. So che c'è tanta gente che mi vuole bene, se posso ricambio con le prestazioni. Sorriderò quando avremo vinto, per ora non lo abbiamo fatto e per stasera un mezzo sorriso basta e avanza. Piazze in festa? Ho passato la nottata non a studiare gli avversari, ma su Youtube a vedere le piazze ai rigori con l'Inghilterra. Ho fatto un'ora e mezza di pelle d'oca. Se abbiamo giocato così lo abbiamo fatto per la gente. Perchè siamo cresciuti partita dopo partita? Sicuramente dipende da tante cose. Dal fatto che alcuni elementi sono tornati disponibili ed arruolabili dall'inizio, dal fatto che quando si gioca una competizione è diverso da un'amichevole e dal fatto che volevamo stupire. Il modo migliore per farlo è quello che stiamo mettendo in pratica adesso".

PIRLO
"Ho sempre cercato di dare il meglio di me stesso, giocando al servizio della squadra. Dopo il Mondiale abbiamo avuto dei problemi, ora ci siamo meritati questa finale e dobbiamo giocarcela fino in fondo. Non abbiamo fatto ancora niente, arrivare a Roma senza vedere il Papa non serve. Ci sono tanti ragazzi nuovi che non hanno mai vissuto questa opportunità, dobbiamo prepararci per essere pronti".

MONTOLIVO
"E' stata una partita speciale, abbiamo fatto un grandissimo primo tempo e ci ha agevolato le cose. Il fatto di sapere tutti in piazza a festeggiare mette i brividi. Il lancio per Balotelli? Antonio è venuto incontro e Mario ha attaccato la profondità, io ho provato il lancio ed è andata bene. E' stata una bella serata di sport. I tedeschi ci rispettono? A livello sportivo senza dubbio, anche perchè perdono spesso nonostante abbiano una bella squadra. Spagna favorita? Siamo in finale, sarà 51 per loro e 49 per noi. Segno poco? Oggi ho avuto un'occasione, ho voluto sterzarla per tirare di destro e forse veniva meglio col sinistro. Magari ci provo con la Spagna, visto che gli ho segnato già un anno fa in amichevole".

MARCHISIO
"La più bella soddisfazione sarà la prossima partita. Siamo stanchi, abbiamo dato tantissimo e fatto una partita strepitosa. Siamo partiti alla grande con Mario e siamo stati cinici, alla fine abbiamo resistito agli attacchi. Ho chiesto scusa a Di Natale, ero stanco e ho tirato con la forza dell'inerzia. E' stata la partita più importante e difficile dall'inizio del torneo quello con la Spagna: li rincontreremo e sarà una sfida dura. Non è questione di timore, dobbiamo tirare quello che abbiamo ancora dentro. Gli italiani? La vittoria è per loro, speriamo che le nostre fatiche possano dare una mano nel periodo di crisi che attanaglia il paese".

PETRUCCI
"Potete dire ufficialmente che lo spread lo detta la nazionale di calcio italiana. Questa nazionale non finisce qui. Sarà difficile, ma pensiamo alla prossima. La vittoria più bella è quella che deve venire".

CHIELLINI
"Dieci giorni fa era solo un sogno ed una speranza. In pochi ci credevano e devo ringraziare lo staff medico ed i preparatori se sono riuscito a giocare stasera. Stiamo vivendo un sogno e con noi milioni di italiani. Lo percepiamo a distanza, vogliamo continuare a sognare e a realizzarlo domenica. Godiamoci questa vittoria qualche minuto e pensiamo a domenica perchè ci siamo vicini. Tradizione o meno, conta il presente. Abbiamo dimostrato di crederci dal primo minuto. Sapevamo di avere tutte le carte in regola. Hanno grandi giocatori ed era impensabile credere di non concedere nulla. Ci siamo difesi bene e, alla fine, il risultato ci va anche stretto. Era una tappa importante, adesso abbiamo la cima finale da conquistare. Non riesco a godermi in pieno questa vittoria. Il pensiero di tutti noi va ai terremotati dell'Emilia. Quel giorno abbiamo vissuto delle emozioni incredibili in preparazione a Parma".

BALZARETTI
"E' una grande soddisfazione. Siamo felicissimi per la prestazione, la vittoria e la finale. C'è un'altra partita, ci teniamo e vogliamo vincere. Da domani pensiamo alla finale. Il rigore? Va bene così, non importa".

BARZAGLI
"Siamo stati veramente grandi. Abbiamo fatto una partita bellissima contro una grandissima squadra, soffrendo da morire negli ultimi minuti. Abbiamo giocato molto bene anche oggi".

BONUCCI
"Il merito è di tutta la squadra, che attacca e difende molto unita. Adesso non ci dobbiamo cullare sugli allori, dobbiamo recuperare il più in fretta possibile perchè domenica è dietro l'angolo. Spagna senza punte? Non danno riferimento, chi arriva da dietro ad attaccare la profondità non è facile da marcare. Andiamo a Kiev con umiltà, loro sono più forti di noi ma ce la giocheremo fino in fondo. Modulo diverso rispetto all'incontro della fase a gironi? Deciderà il mister, valutando con l'esperienza del precedente. Siamo pronti a qualsiasi soluzione".

DIAMANTI
"Il braccialetto? Me l'ha fatto togliere, ho rosicato e l'ho messo nelle mutande. Spagna favorita? Penso che in queste partite ci sia il 50 a testa di percentuale, anche se non ho molta esperienza. Un sogno? L'ho già detto, lo dicevo anche quando giocavo in C2 e mi prendevano per scemo. Devo fare ancora tanto e migliorare ancora tanto. Il campo? Non era degno di una semifinale di un Europeo".

ALBERTINI
"A Mario non ho detto niente perchè ci sono il mister ed i compagni. Conosco le regole e le rispetto. Credo che Balotelli abbia tutte le qualità e le ha fatte vedere oggi. Sicuramente ce le farà vedere anche domenica. Buffon arrabbiato? Sono treni che passano poche volte nella vita, stavamo vincendo e abbiamo rischiato senza motivo. Nel 2000 abbiamo perso un europeo all'ultimo secondo e Gigi ha voluto rimarcare questo".

LOEW
"Hanno punito i nostri errori. Contro una squadra di classe e che sta giocando bene come l'Italia, non c'è stato niente da fare una volta in svantaggio di due reti all'intervallo. Balotelli? Conoscevamo la sua bravura, noi non siamo stati esenti da errori nelle sue azioni. Le scelte iniziali? Potevo schierare una formazione diversa. Gomez aveva già fatto 3 gol, anche Podolski aveva segnato e mi sono sentito di schierarli entrambi".

BIERHOFF
"La differenza l'ha fatta l'Italia che ha giocato una grande partita. Noi non siamo riusciti a fare il nostro gioco e Balotelli ha sfruttato le disattenzioni della nostra difesa. Siamo molto delusi, pensavamo di battere l'Italia ma se si guardano i 90 minuti non si può dire che meritavamo di vincere. Abbiamo molti giocatori che possono muoversi in diversi ruoli, ma abbiamo lasciato troppi spazi. La finale? Dall'Italia ci si può aspettare di tutto. Faccio un grande in bocca al lupo all'Italia, vedo la Spagna ancora favorita ma può succedere di tutto".

LEGGI ANCHE: LIVE ITALIA GERMANIA. Doppietta Balotelli: 2-1. FINALE per gli azzurri contro la Spagna

Top Pirlo e Balotelli, flop Neuer e Podolski Le PAGELLE di Italia-Germania

 

Italia
( Foto : Reuters / )
La gioia azzurra dopo il trionfo di Varsavia sulla Germania
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
Join the Conversation
IBTimes TV
SEGUI SPORTS & STARS
 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci