• Share
  • OkNotizie
  • +1
  • 0

Di Giovanni Tortoriello | 03.07.2012 10:27 CEST

Sono le 6:25 di sabato mattina in Giappone quando un problema al reattore numero 4 della centrale di Fukushima fa tornare l'incubo nucleare. Trascorrono 27 lunghe ore. Nella mattinata di domenica l'impianto torna a funzionare regolarmente. Alle 21 di quello stesso giorno il Giappone torna al nucleare.

Seguici su Facebook

Vicenda paradossale quella del Paese nipponico. Sembra quasi che il Giappone abbia rivissuto in poche ore la sua storia recente, ma con esiti opposti. L'11 marzo 2011 il terribile tsunami che colpì il Paese causò il disastro nucleare di Fukushima. La paura e l'indignazione popolare indussero le istituzioni a bloccare tutte le centrali nucleari presenti nel Paese. Un anno e qualche mese dopo la situazione è completamente cambiata: la paura e l'indignazione popolare sono rimaste inalterate, forse accresciute, ma le istituzioni hanno deciso di non ascoltare e hanno imposto il ritorno al nucleare.

Alle ore 21:00 di domenica sera la Kansai Electric Power (Kepco), la utility che fornisce elettricità alle regioni di Osaka e Kyoto, ha riattivato il reattore n. 3 della centrale nucleare di Oi, nella regione di Fukui. L'impianto dovrebbe tornare a pieno regime progressivamente raggiungendo il proprio apice produttivo tra fine luglio e inizio agosto. A breve sarà riattivato anche il reattore n 4 della stessa centrale di Oi.

Dopo lo spegnimento di tutte le centrali avvenuto lo scorso maggio, il ritorno al nucleare è stato fortemente voluto dal primo ministro nipponico Yoshihiko Noda per risolvere la crisi energetica del Paese. Il governo ha più volte sottolineato il rischio di un blackout causato da un possibile aumento dei consumi prevedibile durante la stagione estiva.

Il via libera alla riaccensione dei reattori è stato dato dopo gli stress test effettuati sul luogo, tuttavia alcuni sismologi hanno sottolineato che le misure contro i terremoti e gli tsunami non saranno completate prima di tre anni. Mitsuhisa Watanabe e Katsuhiko Ishibashi, professori emeriti delle università di Tokyo e Kobe, sono andati anche oltre. "Si sta agendo con troppa fretta- hanno avvertito i due esperti in una conferenza- "L'impianto atomico è in condizioni precarie e il rischio sismico che si corre in quella zona è pericolosamente sottovalutato". Dopo aver messo in dubbio "l'autorità e l'esperienza" degli esperti che hanno consigliato il ritorno al nucleare, i due professori hanno sottolineato che una sola scossa sismica "potrebbe essere sufficiente per capire se il governo ha ragione o torto nel voler far ripartire questi due reattori".

Un avvertimento che proviene da una delle voci più autorevoli e influenti di tutto il Paese. Il professor Ishibashi, infatti, ha acquisito grande notorietà in Giappone dopo che i network locali hanno riproposto le sue esternazioni a seguito del terremoto che nel 2007 causò una fuga di sostanze radioattive dalla centrale di Kashiwazaki-Kariwa. In quell'occasione lo scienziato sottolineò che un eventuale grande terremoto avrebbe provocato un disastro nucleare. "Io non pretendo di prevedere i terremoti- ha ribadito oggi- Posso solo prevedere le tendenze".

Tendenze che continuano a spaventare la popolazione tanto più dopo il rischio corso nella mattinata di sabato. A seguito di un blocco dei sistemi di raffreddamento della piscina del combustibile esausto del reattore numero 4 della centrale di Fukushima, l'aziendaa che gestiisce l'impianto, la Tepco, aveva 47 ore per evitare che la temperatura raggiungesse i 65 gradi, la soglia massima prevista dagli standard di sicurezza. L'azienda ha trovato e risolto il problema quando la temperatura dell'acqua dell'impianto di raffreddamento aveva già raggiunto i 42,9 gradi.

Leggi anche:

Giappone, 8 milioni di firme per dire addio al nucleare. Kengzaburo Oe: "è per il futuro dei nostri figli"

Il Giappone dice addio al  nucleare. Per la prima volta dal 1970 tutte le centrali saranno spente

Ritornaa il nucleare in Giappone? Il primo ministro spinge per la riaccensione di due reattori

 

 

 

Centrale Nucleare
(Foto: Reuters.com / )
Nuovi problemi per il nucleare
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +1
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci