• Share
  • OkNotizie
  • +2
  • 0

Di Marco Locatelli | 03.07.2012 16:07 CEST

Frank Gibeau, presidente di EA Games, ha dichiarato durante un'intervista a Game Industry International che il futuro dell'azienda sarà completamente digitale: "È nel prossimo futuro. Sta arrivando. Abbiamo un visione molto chiara su questo e ne siamo entusiasti. Il retail è un canale molto importante per noi. Abbiamo ottimi rapporti con i nostri partner. Allo stesso tempo, l'ultimo rapporto è quello che instauriamo con i giocatori. Se il giocatore vuole comprare il gioco tramite download ed è il miglior modo per lui di ottenerlo, allora è questo che andremo a fare. Porterebbe molte migliorie alla nostra attività. Ci permetterebbe di fare alcune cose davvero interessanti dal punto di vista del servizio e possiamo concentrarci maggiormente sulle esigenze personali degli utenti".

Seguici su Facebook

Gibeau ha chiarito che EA non farà tali transazioni durante la notte, e che se i giocatori vorranno i titoli EA in dettaglio, Electronic Arts li distribuirà pure nella versione pacchettizzata: "se i clienti vogliono comprare un gioco al dettaglio, si potrà fare anche questo. Noi continueremo a realizzare i giochi in qualsiasi formato. Per noi il segmento in più rapida ascesa nel nostro business è chiaramente il mercato digitale e i relativi servizi. In ultima analisi, in futuro abbiamo intenzione di diventare una società al cento per cento digitale. Un giorno accadrà. È inevitabile".

LEGGI ANCHE

E3 2012: la conferenza EA. Tutti i video, i giochi e gli annunci

Dead Space 3, primo video gameplay e data di uscita dall'E3 2012 

SimCity, video gameplay dall'E3 di EA, annunciato SimCity Social 

Nel mese di maggio, EA ha rivelato che il suo business digitale era in grande espansione. La software house raccoglie infatti una cifra pari a 1,2 miliardi di dollari all'anno con le vendite dei suoi giochi scaricabili. Inoltre, il CEO di EA, John Riccitiello, ha fatto sapere che il business digitale crescerà nel prossimo anno in maniera più vigorosa rispetto ai concorrenti. 

In merito alla questione, Frank Gibeau ha voluto bacchettare la NPD, società di ricerca di mercato americana, che secondo il presidente di EA, attraverso i suoi studi, rappresenta il mercato digitale in maniera fallace, con proiezioni sui dati di acquisto hardware e software del tutto irrilevanti e faziosi. Secondo Gibeau l'azienda di analisi tiene in considerazione soprattutto una porzione del mercato videoludico, ovvero quella relativa al retail, e non dà la giusta importanza alla grande crescita che hanno avuto recentemente le transazioni digitali. 

Dal canto suo, il presidente di NPD Games, David McQuillan, si è ritenuto sorpreso per le dichiarazioni di Gibeau. McQuillan ha infatti affermato di essere ben conscio del fatto che il digitale è una parte crescente del settore ed un elemento importante per il futuro, ma in questo momento il business dei videogiochi è ancorato alla vendita al dettaglio, che ha infatti coperto il 56% dei consumi totali nel 2011 e, in particolare, il 70% nel quarto trimestre dell'anno, ovvero il periodo più importante dal punto di vista economico.

LEGGI ANCHE

FIFA ha smesso di innovare secondo uno sviluppatore di PES 2013

FIFA contro PES: EA si prepara alla next-gen

FIFA 13: annuncio ufficiale, immagini HD e dettagli  

Electronic Arts conferenza E3 2012
(Foto: EA / )
Electronic Arts conferenza E3 2012
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia citata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +2
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci