CICLISMO. LONDRA 2012. I cinque azzurri che andranno ai Giochi

Di Francesco Saverio Damiano | 03.07.2012 19:30 CEST
Dimensione testo + -

I CINQUE ITALIANI A LONDRA. I cinque ciclisti professionisti italiani che parteciperanno alle Olimpiadi di Londra saranno Sacha Modolo, Vincenzo Nibali, Luca Paolini, Marco Pinotti e Matteo Trentin. Con loro ci sarà anche Elia Viviani (qualificato nell'omnium su pista), come riserva per la gara su strada.

Seguici su Facebook

SACHA MODOLO: Di Treviso, nato nel 1987, già in azzurro nel 2011 durante i campionati del mondo di Copenaghen. Secondo posto alle spalle di Mark Cavendish nel "test event" disputato l'anno scorso sul circuito olimpico di Londra, con un chilometraggio ridotto.

VINCENZO NIBALI: Di Messina, nato nel 1984, ha già vestito la maglia azzurra ai Giochi di Pechino nel 2008 e ai Mondiali del 2007 e 2010. Ha vinto la Vuelta nel 2010 ed è stato due volte sul podio al Giro d'Italia. Proprio oggi ha vinto una tappa al giro dell'Austria, festeggiato così la convocazione olimpica.

LUCA PAOLINI: Nato a Como nel 1977, Ha già partecipato alle Olimpiadi di Atene nel 2004. Medaglia di bronzo ai Mondiali di Verona 2004, ben otto volte ha partecipato ai mondiali con la maglia azzurra.

MARCO PINOTTI: Di Osio Sotto (Bergamo), nato nel 1976, specialista di prove su strada e cronometro. Innumerevoli presenze in azzurro per lui.

MATTEO TRENTIN: Nato a Borgovalsugana (TN) nel 1989, è professionista da poco, ma quest'anno è già vincitore di una corsa e autore di una bella prestazione alla Milano-Sanremo. Prima esperienza in azzurro in un massimo evento per lui.

ELIA VIVIANI: Di Isola della Scala, del 1989, già in azzurro ai Mondiali di Copenaghen 2011. Essendosi qualificato per la pista, dove sarà impegnato nella gara olimpica dell'omnium, ha acquisito di diritto il sesto posto in qualità di riserva, con la possibilità di essere inserito tra i cinque titolari per la prova su strada 

LE PAROLE DEL CT BETTINI: "Il progetto di costruzione della squadra azzurra per la gara olimpica del prossimo 28 luglio, nasce dal lavoro conoscitivo svolto con i raduni effettuati in accordo con la FCI in questi due anni, unitamente all'esperienza fatta sul campo con il test event di Londra dello scorso anno. Ho scelto questi ragazzi perché ritengo possano essere il giusto mix per questo tipo di gara, sia a livello di caratteristiche tecniche che come spirito di gruppo. Possiamo contare su due uomini esperti come Paolini e Pinotti, già molte volte in azzurro, unitamente a un corridore nel pieno della sua maturazione come Nibali ed elementi giovani, ma che hanno già dato prova delle loro doti e del loro talento, come Modolo e Trentin. Tutti hanno dimostrato impegno, serietà, attaccamento alla maglia azzurra e dedizione al progetto. Alle Olimpiadi possiamo schierare solo cinque corridori, questa è una mini squadra, e le precedenti esperienze di Atene e Pechino hanno dimostrato come per fare risultato sia fondamentale il lavoro di squadra e la capacità di mettersi a disposizione e sacrificarsi per i compagni".

LEGGI ANCHE: TOUR DE FRANCE. Peter SA-GAN-ar ancora. Bis dello slovacco a Boulogne-sur-Mer

ATLETICA. BOLT sconfitto da Blake anche nei 200 metri

LONDRA 2012. PISTORIUS non si qualifica nei 400 metri 

Ciclisti in gara durante una corsa
( Foto : Reuters / )
Ciclisti in gara durante una corsa
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
Join the Conversation
IBTimes TV
SEGUI SPORTS & STARS
 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci