• Share
  • OkNotizie
  • +1
  • 0

Di David Pascucci | 04.07.2012 10:51 CEST

"Il fallimento dell'euro", uno dei temi più hot degli ultimi mesi, oggetto di discussione sul web e nelle tv e molto trattato dagli economisti che esprimono il loro parere sull'argomento. Ma questi economisti che parlano di "euro-fallimento" dove erano 12 anni fa?

reuters
moneta da 1 euro sopra dizionario tedesco - inglese

Share This Story

Da non perdere

Seguici su Facebook

Si parlava di euro come la soluzione ad un'instabilità dovuta a diversi fattori (svalutazione competitiva, efficienza negli scambi ecc.), eppure questa instabilità è addirittura peggiorata rispetto ad allora. Ovviamente, nel processo di creazione, sembra che i rischi non siano stati calcolati con precisione e lungimiranza dando poi risalto ai soli fattori "positivi" del nuovo strumento finanziario che avrebbe rivoluzionato l'economia da lì in poi.

Si sa, quando viene costruita un'automobile, prima di essere messa in circolazione, viene fatto un apposito Crash Test, un test di resistenza agli urti per capire se la vettura può rivelarsi sicura, efficiente e priva di difetti rilevanti. Il crash test europeo non è stato effettuato anzi, possiamo dire che il "crash" è già avvenuto ma ora non sappiamo la rilevanza dei danni subiti e l'entità degli sforzi che serviranno a rimettere la "vettura" in condizioni normali nei giusti tempi.

Gli economisti, in tal senso, hanno 2 colpe: la prima è stata quella di divulgare l'idea che l'euro sarebbe stata la soluzione a tutti i mali dell'Europa (mai unita); la seconda, quella di aver tacitamente acconsentito alla creazione dell'euro per non rimanere "fuori dal coro" e correre il rischio di essere visti come malfattori con la conseguente esclusione dalla maggioranza di pensiero.

In sostanza, gli economisti hanno seguito il flusso di opinioni e hanno preferito la linea della maggioranza con una ricaduta sulla reputazione nel lungo periodo abbastanza gravosa per la categoria, una categoria vista ora come complice del disastro finanziario attuale.

Ora, invece, gli economisti parlano del fallimento di quell'euro che tanto promuovevano più di 10 anni fa. Come la scorsa decade, gli economisti promuovono politiche economiche (vedi austerity) che sembrano, anche all'opinione pubblica, l'unica soluzione alla crisi in atto e che con molta probabilità si riveleranno un fallimento accompagnato da una lenta agonia (vedi Grecia).

Dove sono gli economisti coerenti, con una linea di pensiero indipendente e totalmente svincolata dal "flusso ideale"? Sono pochi e, ovviamente, sono fuori dal giro.  

 

 

moneta da 1 euro sopra dizionario tedesco - inglese
(Foto: reuters / reuters)
moneta da 1 euro sopra dizionario tedesco - inglese
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +1
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci