• Share
  • OkNotizie
  • 0
  • 0

Di Marco Locatelli | 06.07.2012 10:24 CEST

Google continua imperterrita a tagliare i rami secchi della sua folta chioma di servizi web. Il nuovo amministratore delegato Larry Page, infatti, ha intenzione di abbandonare quei settori dell'azienda che oramai sono ritenuti obsoleti e poco produttivi. Tra questi, Google video è sicuramente il taglio più comprensibile: dato che la grande G ha acquisito YouTube sarebbe del tutto inutile, per non dire controproducente, crearsi una indesiderata concorrenza interna.

Seguici su Facebook

Meno sensata è stata invece la scelta di fare chiudere i battenti a Google Lab, il laboratorio di ricerca e sviluppo fonte di moltissime interessanti innovazioni dell'azienda di Mountain View. La scure di Page è andata a colpire inesorabilmente anche Google Mini, Google Talk Chatback, Symbian Search e iGoogle, tutti servizi a cui verrà staccata la spina in maniera dilazionata: estate 2012 per Google Mini, Chatback, Video e novembre 2013 per iGoogle, mentre la chiusra di Symbian Search non è ancora stata programmata. Destinatario di tutte le risorse risparmiate grazie a questo austero giro di vite sarà il social network Google+, l'assoluta priorità di Big G.  

LEGGI ANCHE

Spider-Man non usa Google e fa innervosire i fan

Google Nexus 7 uscirà a settembre in Italia al prezzo di 249 euro

 L'istituto Luce va su Youtube con 70 anni della nostra Storia, 30mila video caricati 

Se da un lato la decisione del giro di vite è del tutto comprensibile, vista l'esagerata mole di progetti che Google deve costantemente gestire, con un conseguente elevato dispendio economico, dall'altro il cambio di policy aziendale getta non poche ombre sul futuro del colosso di Mountain View, che ha sempre investito molto nella ricerca. 

Tuttavia, sembra proprio che Google sia letteralmente ossessionata dal grande successo di Facebook, dato che in questi anni ha speso moltissimo tempo e risorse per cercare di contrastare il famoso social network con progetti sociali a volte anche fallimentari, vedi Wave, Buzz e Orkut. A pagare il prezzo di questa ossessione sono stati inevitabilmente gli altri settori aziendali, a cui sono state sottratte gran parte delle risorse solitamente investite fino ad arrivare alla loro definitiva chiusura. 

LEGGI ANCHE

Google sotto accusa: per l'Antitrust italiano ha troppa pubblicità

Google Project Glass ufficiali: uscita nel 2013 e prezzo di 1500 dollari

Google I/O 2012, annunciato NexusQ il "Social stream media player" 

Larry Page, Ceo di Google
(Foto: Reuters / )
Larry Page, Google Ceo
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • 0
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci