La tv generalista sta per scomparire?

Di Federica Geremia | 23.07.2012 15:12 CEST
Dimensione testo + -

Reputazione e credibilità: ecco le qualità essenziali che dovrebbe avere ogni esercizio pubblico e privato. Compresa la televisione. Sì perché la qualità dei palinsesti italiani è rovinosamente precipitata negli ultimi dieci anni, in primis con l'arrivo dei reality show.

Seguici su Facebook

Lo pensa anche Amanda Lear, dove in un'intervista al Venerdì di Repubblica afferma che preferisce lavorare in Francia per l'alta qualità artistica programmi televisivi, mentre in Italia riceveva solo proposte deludenti.

Inoltre, aggiunge che nel nostro paese basta solo essere belle per fare televisione, mentre ai suoi tempi le aspiranti vallette dovevano essere in grado di ballare, cantare e recitare. Infatti, dopo aver lavorato con Belen Rodriguez non ha visto alcun talento, a parte una radiosa bellezza.

Tuttavia, Enrico Menduni massmediologo e professore al Dams dell'Università di Roma Tre, avverte che il pubblico non ne può più del modello "bella senza talento", e dei vecchi format anni Ottanta. E anche i dati lo confermano: la maggiore tv italiana per fatturato è Sky e non più la Rai, e quest'ultima, insieme a Mediaset fa "solo" il 75% di share. Un'amara consolazione rispetto al 90% di ascolti che dieci anni fa deteneva la tv generalista.

Di un'altra opinione è invece Gianni Galli, responsabile dell'ufficio stampa per il cinema dell'agenzia Patrizia Cafiero and Partners. Infatti, secondo il suo parere la tv in questione non è "finita", ed è sbagliato pensare che i senza talento e i raccomandati scompaiano da un momento all'altro. E aggiunge che la televisione è un sistema di potere, e chi lo detiene lo usa per i suoi scopi, buoni o cattivi che siano.

A quanto pare sembra molto difficile prendere una posizione. Ma, da quello che si può notare il "Grande Fratello" è stato riconfermato nel palinsesto Mediaset, e "Veline" impazza ogni sera su Canale 5.

 

Belen Rodriguez, l'esempio perfetto di "bella senza talento".
Credits: www.belenrodriguez.it Official Website.
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
Join the Conversation
IBTimes TV