• Share
  • OkNotizie
  • +1
  • -1

Di Sara Rotondi | 09.08.2012 14:20 CEST

Da Sidney altolà al consumo di spinelli. Le persone che fanno uso di marijuana hanno una riduzione della memoria e delle capacità di apprendimento. I dati che hanno portato a questa conclusione, arrivano dall'Australia dagli studi del Murdoch di Melborne (Istituto di ricerca infantile) e delle Università di Melbourne e di Wollongong.

Seguici su Facebook

Già di recente, un gruppo di studiosi del Lambros Messinis del Dipartimento di neurologia presso il policlinico universitario di Patrasso in Grecia, aveva riscontrato deficit cognitivi, defaillance mnemoniche e di attenzione nelle persone che fanno uso della cannabis.

 

Leggi anche:

Krokodil: la droga fai da te che ti squarcia la pelle 

La cannabis è dannosa per la salute secondo le Società Scientifiche, scettiche sull'uso terapeutico

Cannabis contro l'obesità

Italia al primo posto nel consumo di droghe leggere: il 14,6% della popolazione nel 2011 ha consumato cannabis

 

Una piantagione di cannabis
(Foto: Reuters / )
Dall’Australia uno studio che mette in luce i danni causati dalla cannabis alle funzioni cerebrali
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +1
  • -1

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci