• Share
  • OkNotizie
  • +1
  • 0

Di Candido Romano | 17.08.2012 12:12 CEST

Una molecola in grado di interrompere fertilità maschile in maniera reversibile: il "pillolo" per uomini. Si chiama JQ1 ed è un composto sperimentato per ora solo su topi da laboratorio, che ha dimostrato di bloccare il processo di maturazione degli spermatozoi senza avere conseguenze sul comportamento sessuale.

Seguici su Facebook

Una molecola in grado di penetrare le pareti dei tessuti sanguigni dei testicoli; JQ1 riduce sensibilmente la mobilità degli spermatozoi, che tornano "sani" una volta interrotto il trattamento.

Il risultato prodotto è la diminuzione del numero e della qualità degli spermatozoi e quindi minori probabilità di fecondazione dell'ovulo femminile: potrebbe aprire la strada al primo contraccettivo orale per uomini.

Lo studio è stato portato avanti da un gruppo di ricercatori dell'Istituto statunitense Dana-Faber Cancer Institute insieme al Baylor College of Medicine, pubblicato sulla rivista Cell.

Attualmente la contraccezione maschile può contare solo su pochi metodi, alcuni mediamente efficaci, altri decisamente invasivi. Quello più usato è sicuramente il preservativo, mentre la vasectomia "è per sempre", trattandosi di un'operazione chirurgica definitiva. Infine il coito interrotto, scarsamente efficace e che non protegge da malattie sessualmente trasmissibili.

Finora è stato molto difficile trovare una soluzione farmacologica alla fertilità maschile dato il più alto livello di sfida rispetto alla controparte femminile: mentre la donna produce un solo ovulo al mese, l'uomo produce ogni giorno milioni di spermatozoi. Negli USA comunque un terzo delle coppie fa uso di contraccettivi maschili, è chiaro che molti di questi farebbero uso del "pillolo" solo se fosse diponibile sul mercato.

Il coordinatore della ricerca, James Bradner, non ha percorso la solita via dell'utilizzo degli ormoni androgeni ma si è concentrato appunto sulla molecola sintetica JQ1, testata in più di 350 laboratori sparsi in tutto il mondo: "i nostri test hanno dimostrato che somministrando ai topi iniezioni quotidiane da 50 a 100 mg/kg della molecola JQ1 per un periodo di sei settimane, si è riscontrato un effetto contraccettivo totale.

Questo vuol dire una diminuzione rapida e reversibile della mobilità degli spermatozoi, con profondi effetti sulla fertilità", spiega Bradner. Il risultato sul "rallentamento" degli spermatozoi si può vedere anche nel seguente video.

Ovviamente ora si passa alla verifica dei primi successi di questa nuova terapia, ancora non sperimentata sull'uomo. Sembra comunque che questa molecola non comporti controindicazioni e non avrebbe effetti importanti sulla produzione di testosterone. La strada in ogni caso è stata aperta, in futuro si potranno forse vedere sul mercato anche pillole anticoncezionali espressamente pensate per gli uomini: prepariamoci anche alle solite polemiche.

LEGGI ANCHE

La pillola approvata dai medici che fa perdere il 12% del proprio peso

Farmacista si rifiuta di vendere il preservativo

Le malattie si cureranno con la pillola spia

La pillola per uomo
(Foto: Reuters / )
Sperimentata la prima molecola in grado bloccare la fertilità maschile
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia citata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +1
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci