• Share
  • OkNotizie
  • +1
  • 0

Di Emiliano Ragoni | 04.09.2012 07:41 CEST

Il governo chiarisce le sorti del personale docente in esubero, degli insegnanti permanentemente inidonei per motivi di salute, dei docenti  tecnico-pratici e degli insegnanti italiani che hanno scelto di ricoprire cattedre all'estero.

Seguici su Facebook

I docenti in  esubero che hanno perso la cattedra saranno utilizzati per le supplenze, anche giornaliere, nello stesso plesso o in ambito provinciale nel caso di supplenze più lunghe.Insomma prenderanno il "posto" dei precari. In questo modo non ci saranno nullafacenti che percepiranno uno stipendio dallo stato. I docenti con specializzazione sul  sostegno o in corso di formazione potranno avere accesso anche alle supplenze di sostegno.

Gli insegnanti inidonei per salute cagionevole non potranno più insegnare e verranno "declassati" ad Ata ovvero ricopriranno mansioni amministrative di segreteria o diventeranno tecnici di laboratorio. Gli insegnanti  tecnico-pratici, figuranti dal 1994, e chiunque sia passato da un ente locale allo stato con una qualifica differente da quelle previste dall'ordinamento statale, farà parte del personale non docente divenendo assistente amministrativo, tecnico o collaboratore scolastico, a seconda del titolo di studio posseduto. Il totale di insegnanti all'estero sarà dimezzato da 1.400 passeranno a 624.

In questo modo, assicura il governo, la scuola italiana avrà a disposizione la giusta quantità di insegnanti, amministrativi, tecnici e bidelli evitando di pagare supplenti per la copertura dei corrispondenti posti.

I bilanci economici delle scuole saranno monitorati poichè le scuole verseranno direttamente presso la Banca d'Italia i propri fondi senza intrattenere rapporti con singole banche, inoltre le supplenze brevi saranno controllate per scoprire le "istituzioni che sottoscrivono contratti in misura anormalmente alta in riferimento al numero di posti d'organico dell'istituzione scolastica".

I Vicepresidi vedranno trasformata la retribuzione per "mansioni superiori": le loro sostituzioni saranno remunerate con i soldi del fondo d'istituto. In merito alle visite fiscali, il ministero ha stanziato 23 milioni di euro distribuiti alle regioni che non dovranno più chiedere alle scuole il pagamento delle visite di controllo in caso di assenza per malattia.

Per i sindacati il il decreto sulla Spending review è la solita "mannaia sui servizi pubblici" a carico dei cittadini i e del lavoratori.

 

[Via: Repubblica]

 

LEGGI ANCHE:

Profumo dice addio alle graduatorie: gli insegnanti saranno reclutati solo tramite concorso

Concorso per docenti 2012: prova preselettiva telematica e quote giovani. I vincitori del 1999 annunciano battaglia

Concorso pubblico per docenti: quali requisiti occorrono per accedervi?

Scuola
(Foto: Reuters / Tony Gentile)
Scuola
This article is copyrighted by International Business Times.
  • Valuta questo articolo
  • +1
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci