• Share
  • OkNotizie
  • +9
  • 0

Di Giovanni Tortoriello | 12.09.2012 09:57 CEST

Negli scorsi giorni abbiamo riportato i tre report che l'ingegner Rossi ha reso pubblici in occasione della conferenza di presentazione dell'E-Cat la quale ha avuto luogo a Zurigo lo scorso week end. Oggi la Prometeon Srl, licenziataria italiana dell'E-Cat, rivendica i successi ottenuti: "Si sono conclusi con successo, con la firma di un rapporto tecnico da parte di tre dei vari esperti presenti, i primi test sull'E-Cat ad alta temperatura- noto come Hot Cat- svoltisi a Bologna il 17 luglio e il 7 agosto scorsi, tappe iniziali del processo di validazione del rivoluzionario prodotto per generare energia inventato dall'ing. Andra Rossi"- si legge in comunicato redatto dall'azienda.

Seguici su Facebook

I tre esperti ai quali si fa riferimento sono Fabio Penon, ingegnere nucleare e responsabile della certificazione dell'E-Cat, Fulvio Fabiani, che lavora per la Leonardo Corporation come specialista del sistema di controllo elettronico dell'E-Cat e il Dott. David Bianchini, fisico dell'Università di Bologna tra i più stimati in Italia per la misurazione delle radiazioni ionizzanti. Nel comunicato si sottolinea che: "i nomi dei restanti validatori sono in questa fase riservati".

Anche l'ing. Rossi, riferendosi ai due test effettuati, ha espresso la propria soddisfazione: "Siamo estremamente soddisfatti del lavoro svolto - ha dichiarato- poiché è la seconda validazione indipendente che abbiamo ottenuto nel giro di un mese.[...] Quello da noi rilasciato non è il report finale - ha precisato l'inventore- poiché le misurazioni verranno ripetute molte volte nei prossimi mesi per garantire la massima affidabilità dei risultati e del prodotto".

Il prototipo dell'Hot Cat fotografato durante il test di validazione del 16 luglio 2012. I primo piano, si vede il reattore costituito da due cilindri concentrici fra i quali vi è il combustibile. La temperatura media massima raggiunta durante il test è stata di circa 800 C, non stupisce quindi che l'E-Cat sembri una fornace.  (Copyright 2012 Col. Ing. Domenico Fioravanti -Obbligatoria la citazione della fonte)
Il prototipo dell'Hot Cat fotografato durante il test di validazione del 16 luglio 2012. I primo piano, si vede il reattore costituito da due cilindri concentrici fra i quali vi è il combustibile. La temperatura media massima raggiunta durante il test è stata di circa 800 C, non stupisce quindi che l'E-Cat sembri una fornace. (Copyright 2012 Col. Ing. Domenico Fioravanti -Obbligatoria la citazione della fonte)


I TEST- Rispetto ai test effettuati lo scorso anno sugli E-Cat a bassa temperatura, il test di luglio sull'Hot Cat è stato effettuato con una tecnica di stima dell'energia minima prodotta molto semplice: "in pratica, in un reattore composto da due cilindri concentrici tra i quali vi sono due resistenze di riscaldamento e il materiale attivo, ogni minuto si è misurata la temperatura esterna T con una termocamera sensibile all'infrarosso, dopodichè conoscendo la superficie radiante A si è potuta stimare l'energia E irradiata applicando la legge di Stefan-Boltzmann (E= costante x A xT^ 4), nonché adottando altre ipotesi prudenziali onde evitare qualsiasi sovrastima".

 

Alcune misurazioni svolte sui componenti dell'E-Cat ad alta temperatura durante il processo di validazione (Copyright 2012 Leonardo Corporation- Obbligatoria la citazione della fonte)
Alcune misurazioni svolte sui componenti dell'E-Cat ad alta temperatura durante il processo di validazione (Copyright 2012 Leonardo Corporation- Obbligatoria la citazione della fonte)

 

 

Tenendo presente questa metodologia e che l'energia irradiata, pur avendo raggiunto quasi gli 800 C, esprime solo una parte dell'energia dissipata dell'E-Cat dato che va considerata anche l'asportazione conduttiva e convettiva del calore, da questo esperimento si evince che: "l'E-Cat è un'operazione funzionante con un tipo di reazioni diverse da quelle chimiche, da cui differiscono per vari ordini di grandezza". Dunque all'interno del diagramma di Ragone, "l'E-Cat si colloca, nonostante l'ampia sottostima di tutti i valori coinvolti nella misura, in una regione di densità energetica elevata, ben superiore a quella delle altre sorgenti di energia, concentrate tutte in un'area ristretta: l'E-Cat, cioè, non funziona utilizzando pile, condensatori, o altri sistemi noti di accumulo di energia".

Questi test non avevano l'intento di misurare il COP (coefficient of performance), il cui valore per l'E-Cat in commercio è stato garantito essere 6; cioè l'energia in uscita è pari a sei volte quella in entrata. Questo valore ha suscitato qualche perplessità dato che per i test sull'E-Cat a bassa temperatura l'ing. Rossi aveva riferito valori molto più alti, ma come aveva già fatto Andrea Rossi a Zurigo, Prometeon spiega che: "il COP potrebbe essere molto più alto (fino a 100-200 nelle prove al limite), ma verrà tenuto anche in futuro a tale valore per ragioni di sicurezza".

Questi dati sono ancora "parziali e provvisori". Nel corso di questa settimana avranno luogo altri test, mentre con ogni probabilità il processo di validazioni dovrebbe essere completato entro 3 mesi "con la pubblicazione dei dati finali e completi ad opera di terze parti imparziali e professionali".

Il diagramma di Ragone che mostra come i sistemi di accumulo dell'energia di tipo convenzionale, cioè non nucleare, si collochino in una regione ristretta. L'E-Cat, invece, in base alle misre effettuati dagli esperti presenti al test del 16 luglio, si colloca ben al di fuori di tale regione: è una sorgente di altro tipo  (Copyright 2012- Professor Ahmed Ghoniem- Obbligatoria la citazione della fonte)
Il diagramma di Ragone che mostra come i sistemi di accumulo dell'energia di tipo convenzionale, cioè non nucleare, si collochino in una regione ristretta. L'E-Cat, invece, in base alle misre effettuati dagli esperti presenti al test del 16 luglio, si colloca ben al di fuori di tale regione: è una sorgente di altro tipo (Copyright 2012- Professor Ahmed Ghoniem- Obbligatoria la citazione della fonte)
LEGGI ANCHE:

Prototipo Hot Cat
(Foto: Copyright 2012 Col. Ing. Domen / )
Il prototipo dell'Hot Cat fotografato durante il test di validazione del 16 luglio 2012. I primo piano, si vede il reattore costituito da due cilindri concentrici fra i quali vi è il combustibile. La temperatura media massima raggiunta durante il test è stata di circa 800 C, non stupisce quindi che l'E-Cat sembri una fornace. (Copyright 2012 Col. Ing. Domenico Fioravanti -Obbligatoria la citazione della fonte)
Prototipo Hot Cat
Misurazioni componenti
Diagramma di ragone
(Foto: (Copyright 2012- Professor Ahm / )
Il diagramma di Ragone che mostra come i sistemi di accumulo dell'energia di tipo convenzionale, cioè non nucleare, si collochino in una regione ristretta. L'E-Cat, invece, in base alle misre effettuati dagli esperti presenti al test del 16 luglio, si colloca ben al di fuori di tale regione: è una sorgente di altro tipo (Copyright 2012- Professor Ahmed Ghoniem- Obbligatoria la citazione della fonte)
Diagramma di ragone
Il diagramma di Ragone che mostra come i sistemi di accumulo dell'energia di tipo convenzionale, cioè non nucleare, si collochino in una regione ristretta. L'E-Cat, invece, in base alle misre effettuati dagli esperti presenti al test del 16 luglio, si colloca ben al di fuori di tale regione: è una sorgente di altro tipo(Copyright 2012- Professor Ahmed Ghoniem- Obbligatoria la citazione della fonte)
Prototipo Hot Cat
Il prototipo dell'Hot Cat fotografato durante il test di validazione del 16 luglio 2012. I primo piano, si vede il reattore costituito da due cilindri concentrici fra i quali vi è il combustibile. La temperatura media massima raggiunta durante il test è stata di circa 800 C, non stupisce quindi che l'E-Cat sembri una fornace.(Copyright 2012 Col. Ing. Domenico Fioravanti -Obbligatoria la citazione della fonte)
Misurazioni componenti
Alcune misurazioni svolte sui componenti dell'E-Cat ad alta temperatura durante il processo di validazione(Copyright 2012 Leonardo Corporation- Obbligatoria la citazione della fonte)
1 2 3 4 5 6 7
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia citata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +9
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci