• Share
  • OkNotizie
  • 0
  • 0

Di Emiliano Ragoni | 23.09.2012 09:52 CEST

Ci siamo il concorso per accedere all'insegnamento sta prendendo forma. Il bando ufficiale, in uscita il 24 settembre, promette moltissime novità. Ricordiamo che è previsto un test pre-selettivo il quale consisterà in 50 domande da compilare in 50 minuti così suddivise: 15 di logica, 15 di comprensione del testo, 10 di informatica e 10 di lingua straniera. La prova scritta invece riguarderà le competenze disciplinari e per quanto riguarda la prova orale ci sarà la novità della simulazione di una lezione in aula.

UK in Italy (Flickr)
Il ministro dell'Istruzione, Francesco Profumo. [CC BY-ND 2.0]

Share This Story

Da non perdere

Seguici su Facebook

Più notizie

Il Ministro dell'istruzione Profumo ha dichiarato che questo questo concorso diverrà, nel corso degli anni, la normalità ed è necessario per uniformare il modello scolastico italiano a quello europeo. Contro il concorso hanno protestano molto duramente i precari e i sindacati. "Il Governo, trincerandosi dietro i richiami al merito e ai giovani, dimentica il merito e i diritti di quanti finora hanno vinto concorsi, superato selezioni e si sono formati dentro e fuori dalle aule scolastiche." afferma la Flc-Cgil. Di certo la situazione scolastica italiana è molto difficile e questo "concorsone" rischia di lasciare scontenti moltissimi precari.

LEGGI QUI: Concorso scuola, finalmente è uscito il bando in Gazzetta Ufficiale 

LEGGI QUI: Concorso scuola, oggi il bando per reclutare 11.542 docenti. Vediamo i dettagli 

Al concorso potranno partecipare:

- gli abilitati, siano essi iscritti o meno alle Graduatorie ad esaurimento;

- i laureati quadriennali entro il 2001/02, quinquennali entro il 2002/03 ed esaennali entro il 2003/04;

- i diplomati all'istituto magistrale entro il 2002 per la scuola primaria e dell'infanzia; 

- i geometri e periti industriali edili diplomati solo per la classe C430.

Si attendono conferme per diplomati (ISEF, Conservatori, Accademie). 
Dovrebbero poter partecipare anche i candidati non in possesso dell'abilitazione, qualora non ci fosse un numero sufficiente di abilitati (3 volte i posti disponibili), ma anche questo aspetto non è stato ancora confermato.

Ecco un estratto del bando di concorso che il MIUR ha mandato al CNPI (Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione) per l'approvazione. Queste indicazioni non sono pertanto ufficiali ma indicative. Ricordiamo che l'uscita del bando ufficiale è prevista per il 24 settembre. 

Art. 5 - PROVA DI PRESELEZIONE

1. Ai fini dell'ammissione alle prove scritte i candidati devono superare una prova di preselezione unica per tutte i posti le classi di concorso e per tutto il territorio nazionale volta all'accertamento delle capacità logiche, di comprensione verbale del testo, delle competenze informatiche e linguistiche in una delle seguenti lingue comunitarie: inglese, francese, tedesco e spagnolo.

2. La prova consta di 50 quesiti a risposta multipla così ripartiti:
- capacità logiche 15 domande;
- capacità di comprensione verbale del testo 15 domande;
- competenze informatiche 10 domande;
- conoscenza della lingua straniera 10 domande.
Il candidato deve rispondere entro il tempo massimo di 50 minuti La risposta corretta vale 1 punto, la risposta non data vale 0 punti e la risposta errata vale -0,5 punti.

4. Sono ammessi alla prova scritta i candidati che hanno conseguito un punteggio non inferiore a 35/50. Il non superamento della prova di preselezione comporta l'esclusione dal prosieguo della procedura concorsuale. L'esito della prova di preselezione non concorre alla formazione del voto finale nella graduatoria di merito.

3. Il diario della prova è reso noto almeno 20 giorni prima del suo svolgimento tramite pubblicazione del relativo avviso:

- sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, 4ª Serie Speciale, Concorsi ed Esami;
- sulla rete intranet e sul sito istituzionale del Ministero;
- sui siti internet degli Uffici scolastici regionali competenti a gestire la procedura concorsuale.

4. Le sedi di svolgimento della prova in ogni regione e la ripartizione dei candidati presso ciascuna sede sono pubblicate sulla rete intranet e sul sito internet del Ministero, nonché sui siti degli Uffici scolastici regionali.

5. Le pubblicazioni di cui ai commi 3 e 4 hanno valore di notifica a tutti gli effetti.
6. I candidati che non ricevono dall'Ufficio scolastico regionale comunicazione di-esclusione dal concorso sono tenuti a presentarsi per sostenere la prova di preselezione secondo le indicazioni contenute nei predetti avvisi, muniti di un documento di riconoscimento in corso di validità.
7. La mancata presentazione nel giorno, ora e sede stabiliti, comunque giustificata ed a qualsiasi causa dovuta, comporta l'esclusione dal concorso. Se, a giudizio della commissione esaminatrice, non è possibile l'espletamento di una o più sessioni della prova preselettiva nella giornata programmata, ne viene stabilito il rinvio con comunicazione, anche in forma orale, ai candidati presenti.

8. Durante lo svolgimento della prova i candidati non possono introdurre nella sede di esame carta da scrivere, appunti manoscritti, libri, dizionari, testi di legge, pubblicazioni, telefoni portatili e strumenti idonei alla memorizzazione o alla trasmissione di dati, né possono comunicare tra loro. In caso di violazione di tali disposizioni è prevista l'immediata esclusione dal concorso.

Articolo 6 - PROVE SCRITTE
1. I candidati che superano la prova di cui all'articolo 7 sono ammessi a sostenere la prova scritta, unica su tutto il territorio nazionale e relativa alle discipline oggetto di insegnamento nelle cattedre e posti per cui è indetta la procedura concorsuale.
2. La prova scritta consiste in una prova semi strutturata con griglia nazionale di valutazione composta da una serie di quesiti a risposta aperta e finalizzata a valutare la padronanza delle discipline, anche attraverso gli opportuni riferimenti interdisciplinari.
3. La prova scritta dei candidati ai posti di insegnamento della scuola primaria è costituita anche da una prova atta ad accertare la conoscenza della lingua inglese.
4. La commissione assegna alla prova un punteggio massimo di 40 punti. La prova è superata dai candidati che conseguono un punteggio non inferiore a 28.
5. Ai candidati di cui all'articolo 10 la commissione assegna, per la prova scritta, un punteggio massimo di 30 punti. La prova è superata dai candidati che conseguono un punteggio non inferiore a 21. Al suddetto punteggio si somma quello conseguito nella prova di cui all'articolo 10. Il punteggio finale è di conseguenza espresso in quarantesimi.
5. Il punteggio ottenuto nella prova di cui al presente comma costituisce il punteggio di ammissione alla prova orale di cui all'articolo 12.

Articolo 7 - PROVA ORALE
1. Accedono alla prova orale i candidati che hanno superato la prova di cui all'articolo 6.
2. La prova orale ha per oggetto le discipline di insegnamento comprese nella classe di concorso e valuta la padronanza delle medesime da parte del candidato, la capacità di progettazione didattica, anche con riferimento alle TIC e agli studenti con bisogni speciali.

3. La prova orale consiste:
a) in una lezione simulata, della durata di 30 minuti, su una traccia estratta dal candidato 24 ore prima della calendarizzazione della sua prova orale. A tal fine la commissione predispone un numero di tracce pari a tre volte il numero dei candidati. Le tracce estratte sono escluse dai successivi sorteggi;
b) in un colloquio immediatamente successivo, della durata massima di 30 minuti, nel corso del quale sono approfonditi i contenuti, le scelte didattiche e metodologiche della lezione di cui alla lettera a).

4. La prova orale accerta le competenze di trasmissione delle discipline di insegnamento comprese nella classe di concorso per cui si concorre, nonché le competenze informatiche e di conversazione nella lingua prescelta dal candidato.
5. La prova orale dei candidati ai posti di insegnamento della scuola primaria comprende anche l'accertamento della conoscenza della lingua inglese.
5. La commissione assegna alla prova un punteggio massimo di 40 punti.
6. La prova di cui al presente articolo è superata dai candidati che conseguono un punteggio non inferiore a 28.
7. Il non superamento della prova comporta l'esclusione dal prosieguo della procedura concorsuale.

In allegato la Tabella  con la valutazione dei titoli.

[Fonte: ConcorsoInsegnanti]

 

LEGGI ANCHE:

Concorso scuola, oggi il bando per reclutare 11.542 docenti. Vediamo i dettagli 

Scuola, ancora smentite per il "concorsone": 12mila assunzioni in tre anni e un concorso ogni anno? 

Scuola, ecco quale sarà il destino dei docenti in esubero e dei precari 

Profumo dice addio alle graduatorie: gli insegnanti saranno reclutati solo tramite concorso

Concorso per docenti 2012: prova preselettiva telematica e quote giovani. I vincitori del 1999 annunciano battaglia

Concorso pubblico per docenti: quali requisiti occorrono per accedervi?

 

 

Il ministro dell'Istruzione, Francesco Profumo
(Foto: UK in Italy (Flickr) / )
Il ministro dell'Istruzione, Francesco Profumo. [CC BY-ND 2.0]
  • Valuta questo articolo
  • 0
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

Più popolari

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci