• Share
  • OkNotizie
  • +2
  • 0

Di Emiliano Ragoni | 27.09.2012 08:33 CEST

Il "concorsone" voluto fortemente dal Ministro Profumo ha suscitato molte polemiche tra i sindacati i quali avrebbero preferito che si continuasse ad attingere i docenti dalle graduatorie ad esaurimento, con l'unico criterio dell'anzianità di servizio. Come abbiamo affermato precedentemente sotto un aspetto meramente meritocratico la decisione del Ministro Profumo è apprezzabile. 

Seguici su Facebook

E' altresì vero che Profumo sta applicando quanto previsto dalla normativa vigente la quale impone, a fronte dei 23mila posti disponibili nel prossimo biennio, di attingere equamente il 50% dalle graduatorie ad esaurmimento ed il restante 50% dalle graduatorie tramite concorso. Anche qui c'è però una profonda anomalia. Ricordiamo infatti che in graduatoria sono presenti anche persone che hanno meritatamente vinto il concorso nel '99, persone, quindi, che hanno diritto ad ottenere una cattedra. Ci sono poi quelli che hanno frequentato le SSIS e che per due anni hanno frequentato un corso di formazione ed un tirocinio, anch'essi iscritti in graduatoria ed anch'essi aventi diritto ad insegnare.

Concorso scuola, facciamo chiarezza sul bando [GUIDA] 

Concorso scuola, l'Anief ricorre al Tar Lazio per ammettere i laureati tra il 2001 e il 2012. Il Cobas: "Va abolito" 

Ad ogni modo permango dei dubbi. Le maggiori perplessità sorgono sulla modalità del test preselettivo e sulle modalità operative e temporali dei recenti TFA -ivi compresi i TFA Speciali- i quali ricordiamo che conferiscono l'abilitazione all'insegnamento. Il concorso viene bandito esattamente 13 anni dopo il precedente e nel bel mezzo del "caos TFA", che ad oggi non sono stati ancora attivati. Disincronia ribadita anche dal Consiglio nazionale della pubblica istruzione (Cnpi).

Lo stesso organo ha inoltre affermato che le attuali regole di accesso escludono di fatto i giovani neolaureati  che nell'ultimo decennio non hanno potuto conseguire l'abilitazione. E quindi? Il Ministro Profumo voleva svecchiare la scuola ma perdurando questa modalità di accesso è praticamente impossibile. L'operazione di svecchiamento sarà realizzabile con l'avvio e la conclusione dei TFA e l'uscita dei prossimi bandi di concorso.

Il prossimo concorso, quindi, stando alle recenti dichiarazioni di Profumo, dovrebbe essere bandito a Maggio 2013 per dare la possibilità agli attuali abilitandi del TFA di concorrere. Permangono i dubbi circa gli anni per i quali verranno banditi i posti, visto che fino al 2014/2015 i posti disponibili sono già stati assegnati. Le intenzioni del Ministro Profumo sono quelle di bandire un nuovo concorso per 5mila posti entro il 2013 per le immissioni in ruolo previste per l'anno scolastico 2015-2016. Il dubbio fortissimo, che attanaglia migliaia di docenti precari e neolaureati che hanno la volontà di intraprendere la via dell'insegnamento, è se questa modalità procedurale venga mantenuta anche dal prossimo governo

Infine parliamo dei ricorsi. Non dobbiamo dimenticarci che il TFA per certi aspetti è stato un vero e proprio flop, con dei ricorsi che hanno riguardato la prova preselettiva. Speriamo che questa volta la "macchina del concorso" funzioni a dovere. Rimangono delle perplessità sull'eccessiva burocrazia che vi è dietro ad ogni procedura scolastica (avete mai provato a fare le domande per le supplenze????), e anche questo concorso non sembra sfuggire a questa regola. 

Per quanto concerne i costi dobbiamo ricordare che la macchina organizzativa del concorcorsone costerà allo stato circa 1 milione di euro. 

[Via: Sussidiario.net]


LEGGI ANCHE:

Concorso scuola, l'Anief ricorre al Tar Lazio per ammettere i laureati tra il 2001 e il 2012. Il Cobas: "Va abolito" 

Concorso scuola, facciamo chiarezza sul bando [GUIDA] 

Concorso scuola, finalmente è uscito il bando in Gazzetta Ufficiale 

Concorso scuola, oggi il bando per reclutare 11.542 docenti. Vediamo i dettagli 

Concorso scuola, ecco la bozza del bando 

Scuola, ancora smentite per il "concorsone": 12mila assunzioni in tre anni e un concorso ogni anno? 

Scuola, ecco quale sarà il destino dei docenti in esubero e dei precari 

Profumo dice addio alle graduatorie: gli insegnanti saranno reclutati solo tramite concorso

Concorso per docenti 2012: prova preselettiva telematica e quote giovani. I vincitori del 1999 annunciano battaglia

Concorso pubblico per docenti: quali requisiti occorrono per accedervi?

 

 

Il ministro dell'Istruzione, Francesco Profumo
(Foto: UK in Italy (Flickr) / )
Il ministro dell'Istruzione, Francesco Profumo. [CC BY-ND 2.0]
This article is copyrighted by International Business Times.
  • Valuta questo articolo
  • +2
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci