• Share
  • OkNotizie
  • +1
  • 0

Di Sara Rotondi | 01.11.2012 15:16 CET

Di Pietro l'uomo adatto per il Colle. Dopo essersi scagliato contro i "talk show che uccidono",  Beppe Grillo sponsorizza sul suo blog il leader dell'Idv Antonio Di Pietro per una possibile candidatura Quirinale. "È l'unico in Parlamento che si è opposto in tutti questi anni al Berlusconismo". Per l'ex comico, l'ex pm potrebbe essere  pertanto è l'uomo «giusto» per il Colle.

Seguici su Facebook

"Di Pietro ha commesso degli errori, ha inserito nel suo partito persone impresentabili come De Gregorio e Scilipoti, ha evitato, per scelte forse tattiche, prese di posizioni nette su Tav e G8, ma lui solo in Parlamento ha combattuto il berlusconismo", continua Grillo. "Lo ha fatto con armi spuntate, con una truppa abborracciata tenuta insieme unicamente dalla sua testardaggine e caparbietà. È sempre stato un isolato, mal sopportato dai pdmenoellini e odiato da tutti gli altri. Ha confuso talvolta la politica con la realpolitik e cercato un compromesso impossibile con partiti corrotti e in via di estinzione. Si è fidato troppo di persone a lui vicine, di signor nessuno che ne hanno sfruttato la popolarità assecondando in modo acritico ogni sua richiesta".

Fondi ai partiti: Palazzo Grazioli pagato dai contribuenti

"Il suo 'Caro presidente che non c'è' rivolto allo psiconano e gli attacchi ai servi del berlusconismo sono gli unici lampi di luce che meritano di essere ricordati nel peggior Parlamento dell'Unità d'Italia, un luogo immondo popolato da pregiudicati e piduisti, da nemici dichiarati della democrazia. Può essere - scrive ancora Beppe Grillo - che Tonino abbia lanciato dei referendum pro domo sua, ma se abbiamo potuto votare contro il nucleare di Casini, Bossi, Fini e Berlusconi lo dobbiamo a lui che ha raccolto e validato le firme necessarie". "Solo per questo - assicura il comico - dovremmo dirgli grazie".

Elezioni Sicilia, Nichi frena entusiasmo

"Il lodo Alfano, che anche un bambino avrebbe dichiarato incostituzionale, ma non il presidente della Repubblica, fu criticato e osteggiato in solitudine da Di Pietro nel silenzio dei Bersani, dei D'Alema e con il plauso dei Cicchitto e dei Gasparri. L'uomo ha un caratteraccio, non ascolta nessuno - incalza Grillo - ma è onesto. Quando ha dovuto affrontare il giudizio di un tribunale lo ha fatto senza esitazioni e ne è sempre uscito prosciolto. Quanti in Parlamento possono dire altrettanto? Chi può scagliare la prima pietra? Nessuno".E poi ironizza, sull' imminente "caduta" di Napolitano: "Nel 2013 Napolitano decadrà - conclude - per ora è l'unica buona notizia certa. Il mio auspicio è che il prossimo presidente della Repubblica sia Antonio Di Pietro, l'unico che ha tenuto la schiena dritta in un Parlamento di pigmei. Chapeau!".

Fonte Il Messaggero

Leggi anche:

Grillo ironizza sulla 'risurrezione' di Berlusconi

Anche Dario Fo appoggia Grillo

Fornero fa il bis: ancora lacrime a scena aperta

 

Beppe Grillo
(Foto: Reuters / )
Beppe Grillo
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +1
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci