MOTO GP. Valentino Rossi: "Ducati? Una scelta sbagliata e una perdita di tempo"

Di Andrea Garroni | 07.11.2012 13:17 CET
Dimensione testo + -

Il rapporto tra Ducati e Valentino Rossi è oramai agli sgoccioli, dopo due stagioni ricche di delusioni amarissime, polemiche e prestazioni quasi mai in linea con le aspettative. Intervistato dal famoso magazine australiano Sport Rider il 'Dottore' dice la sua su queste due stagioni in sella alla Rossa di Borgo Panigale, palesando tanta amarezza per non aver compreso la Ducati come fatto da Casey Stoner.

Seguici su Facebook

 

Scelta sbagliata - Valentino Rossi infatti dopo il GP di Valencia sarà ufficialmente libero dal suo rapporto con Ducati e potrà, dopo due stagioni di 'esilio', tornare in sella alla sua Yamaha al fianco di Jorge Lorenzo nel team ufficiale della casa dei tre diapason. In due anni molto è cambiato: Stoner si ritirerà, da giovanissimo, al termine di questa stagione, Lorenzo ha messo le mani su un altro titolo mondiale e, soprattutto, le gerarchie interne al team Yamaha sono completamente cambiate e Rossi, che tornerà in sella alla M1 accompagnato dal suo storico team di tecnici, sarà il numero 2.

Quel che non è cambiato, stando alle dichiarazioni di Rossi, è la Ducati, che in due stagioni non è riuscita a risolvere i problemi della Desmosedici nonostante nuovi telai, motori, componenti rivoluzionate e progetti rifatti da zero o quasi:

"Nella mia carriera non avevo mai sbagliato una scelta, Ora l'ho fatto" - dice Valentino - "Casey - Stoner, ndr - è stato l'unico pilota in grado di andare forte con la Ducati; tutti gli altri ragazzi che ci hanno provato non hanno distrutto la propria carriera bensì la propria mente, quindi complimenti a Casey. Due anni fa non capivo quali differenze ci fossero tra Stoner e gli altri piloti Ducati e, dopo due anni in sella a questa moto, ancora non capisco. Sono state due stagioni veramente dure e difficili, soprattutto molto frustranti perché oltre ai pessimi risultati e lo scarso feeling con la moto abbiamo avuto gli stessi problemi con la moto che avevamo a Valencia nel 2010, dopo due anni. A volte hai la sensazione di perdere tempo, ed è questa la cosa più frustrante.

L'ultima gara a Valencia sarà "molto emozionante, perché ho trovato una buona atmosfera e brava gente con cui lavorare e correre in pista. Io faccio sempre 'gruppo' con il mio team, ma non per scelta, perché è così. Forse è il mio carattere. Di sicuro sarà molto difficile dire 'Ciao' ai ragazzi. Ma allo stesso tempo non sianmo stati in grado di ottenere nessun buon risultato e quindi è una buona decisione per me. Non vedo l'ora di salire in sella alla M1."

 

LEGGI ANCHE:

MOTO GP. Il calendario 2013 diventa ufficiale: al via a Losail in Qatar a fine marzo

MOTO GP. DUCATI, ufficiale Dovizioso fino al 2014 

MOTO GP. DUCATI: Spies e Iannone correranno con il team Pramac

MOTOGP Rossi e l'incubo Lorenzo: "Non so se riuscirò a batterlo"  

Valentino Rossi
( Foto : Reuters / )
Valentino Rossi
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
Join the Conversation
IBTimes TV
SEGUI SPORTS & STARS
 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci