• Share
  • OkNotizie
  • 0
  • 0

Di Claudio Forleo | 07.11.2012 13:58 CET

Il nostro è un Paese di smemorati, ma Giulio Tremonti ha decisamente esagerato durante il videoforum di Repubblica Tv, descrivendo un Paese pre-Monti in cui tutto andava bene: il credito, le pensioni e soprattutto lo spread.  Proprio lui, il ministro dell'Economia durante l'ultimo governo Berlusconi, quello del "stiamo affrontando la crisi meglio degli altri Paesi", che l'Europa ci implorava di cambiare prima che fosse troppo tardi.

Seguici su Facebook

"Abbiamo tenuto il bilancio pubblico per tre anni, il deficit scendeva, il debito saliva ma meno degli anni precedenti - ha sostenuto, rimanendo serio- Tutti i soldi che si potevano spendere furono messi sugli ammortizzatori sociali. Un investimento su imprese e lavoratori. Per tre anni il sistema ha tenuto. Il credito c'era e costava meno che in Germania. Finchè ci sono stato io a media dello spread è stata di 113 punti, ora è di oltre 300. Io di quei tre anni sono orgoglioso".  

Ma se avevamo il miglior governo dell'emisfero boreale per quale motivo sono arrivati i "Professori"?

Forse perchè Tremonti è l'unico a pensarlo, dato che persino Berlusconi ha ammesso che il suo governo è stato travolto dalla crisi.  Ma non c'era Tremonti a guidare l'Economia quando la Banca Centrale Europea scriveva lettere nell'estate del 2011 per spiegarci dove e come intervenire? Non c'era lui in via XX Settembre (sede del Ministero) quando lo spread, il famigerato differenziale fra i titoli di Stato italiani e quelli tedeschi, superava abbondantemente i 500 punti base? L'allarme sul credit crunch (la stretta creditizia) non era già stato lanciato ben prima dell'avvento dei tecnici, ormai un anno fa? La risposta è sempre affermativa.

Il debito pubblico ha tenuto dal 2008 al 2011? Neanche un pò. In rapporto al Pil è passato dal 106 al 120 per cento. In soldoni si tratta di un aumento superiore ai 300 miliardi di euro (!). Il rapporto deficit/Pil è passato dal 2,6 del 2008 al 5,1 del 2010. La disoccupazione nello stesso periodo è passata dal 6,7 all'8,4%. Insomma, l'ex ministro non ne ha ingarrata una.

Il primo Ministro Berlusconi, insieme al ministro dell'Economia, Giulio Tremonti al G20 del 4 novermbre 2011
(Foto: Reuters / Dylan Martinez)
Il primo Ministro Berlusconi, insieme al ministro dell'Economia, Giulio Tremonti al G20 del 4 novermbre 2011
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • 0
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci