• Share
  • OkNotizie
  • +1
  • 0

Di David Pascucci | 08.11.2012 11:38 CET

 

Una nostra breve statistica sull'andamento dei mercati (S&P500 su tutti) durante l'anno delle presidenziali Usa, ci aveva fatto notare delle armonie nei mesi interessati alle elezioni, ossia ottobre e novembre. Dalla statistica abbiamo quindi notato che tutte le volte che ottobre ha chiuso in negativo, anche novembre avrebbe avuto lo stesso destino.

Seguici su Facebook

In tal merito, andiamo ad osservare l'andamento del più importante indice Usa al mondo: l'S&P500, che racchiude le 500 società americane a maggior capitalizzazione. Ottobre ha chiuso in rosso e dalla statistica non possiamo che aspettarci un mese dello stesso segno.

Novembre, però, era iniziato bene per l'S&P che aveva visto rialzi del 2% su base mensile fino a 2 giorni fa (LEGGI ARTICOLO). Da ieri una discesa pesante dovuta al post elezione di Barack Obama e per i timori legati al Fiscal Cliff e alle manovre che gli Usa dovranno mettere in atto per sconfiggere questo mostro, ha portato l'S&P500 a virare in negativo su base mensile lasciando una lunga shadow al di sopra del prezzo corrente. I numeri della statistica parlano chiaro al di là degli eventi macro che "influenzerebbero" il mercato. 

In sostanza la prima tendenza del mese è stata bruciata dal ribasso di ieri, ribasso che secondo i numeri dovrebbe persistere per tutto il mese. Aspettiamo con ansia la fine del mese. 

LEGGI ANCHE:

 Mercati, novembre sarà un mese negativo 

Mercati, ecco come si muovono durante le elezioni in Usa 

© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +1
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci