CALCIOMERCATO. L'INTER a Manchester per BALOTELLI. Pronto scambio con SNEIJDER, ma c'è il MILAN

Di Andrea Garroni | 09.11.2012 18:14 CET
Dimensione testo + -

Massimo Moratti non se lo è mai perdonato e, a due anni di distanza, continua a rimpiangere la cessione di Mario Balotelli, trasferitosi al Manchester City di Mancini per una cifra prossima ai 30 milioni di euro. Una cessione dolorosa a cui, però, il presidente nerazzurro vorrebbe rimediare riportando a Milano il figliol prodigo, che in queste due stagiono oltremanica è stato protagonista più sulle copertine dei tabloid inglesi che in campo...

Seguici su Facebook

 

Viaggio a Manchester - Come riportano varie fonti, tra cui il Corriere dello Sport, ed alcuni operatori di mercato infatti Piero Ausilio, direttore sportivo del club nerazzurro, è volato in Inghilterra per assistere da vicino a City-Ajax e, soprattutto, per avviare i primi contatti con Txiki Begiristain, ex ds del Barcellona trasferitosi alla corte dello sceicco Mansur qualche settimana fa.

Ausilio, a quanto pare, oltre ad aver allacciato i primi contatti con il nuovo dirigente dei Citizen, avrebbe toccato anche l'argomento Mario Balotelli, che la dirigenza inglese sembra voler cedere al miglior offerente su espressa indicazione di Roberto Mancini, oramai stufo delle continue bizze dentro e fuori dal campo del suo vecchio pupillo.

Non è infatti un mistero che Balotelli oramai sia inviso a diversi giocatori del City, ai dirigenti e soprattutto a molti tifosi, che dopo due stagioni costellate da prestazioni non sempre entusiasmanti e da atteggiamenti poco consoni ad uno sportivo non sembrano più disposti ad avere pazienza con il Bad Boy nato a Palermo 22 anni fa.

 

Operazione estiva - Proprio per questo motivo Moratti ha dato mandato ad Ausilio di sondare il terreno per una operazione di cui si parla oramai da diverso tempo e che, di fatto, potrebbe decollare nel corso della prossima campagna trasferimenti estiva. Balotelli a Manchester viene da molti considerato oramai come un corpo estraneo, dopo tutte le critiche che gli sono piovute addosso in questi mesi, ed una separazione a questo punto sembra oramai probabile.

Nonostante tutto, però, il valore del giocatore è bene o male lo stesso del 2010 e l'Inter per riportarlo ad Appiano Gentile sarà obbligata a sborsare una cifra vicina ai 25/30 milioni di euro. Il risamento portato avanti in queste ultime stagioni, però, sembra escludere a priori che l'Inter possa farsi avanti con una proposta superiore ai 20 milioni, al che alcuni esperti di mercato hanno avanzato una ipotesi: uno scambio con Wesley Sneijder. Operazione sulla carta non semplicissima ma che, visto il reciproco interesse dei due club, potrebbe andare in porto, anche perché Sneijder in queste ultime settimane sembra essere diventato, a sua volta, un corpo estraneo in casa nerazzurra. Fuori per infortunio dallo scorso 26 settembre, l'olandese al suo rientro rischia di non trovare posto in squadra e, soprattutto con la dirigenza, sembra essere calato il gelo, come dimostrato dal divieto perentorio da parte della società al giocatore di aggiornare i tifosi sul social network Twitter. Un divieto che, a quanto pare, è stato imposto solo a Sneijder.

 

Spauracchio rossonero - Sullo sfondo di questa operazione, però, da qualche settimana ha cominciato a muoversi anche il Milan che, pur non versando in buone condizioni finanziarie, sta cercando di capire quali margini di manovra possano esserci per provare a strappare Balotelli al City ed agli altri club europei interessati al giocatore.

Il Milan sa, nel caso di una cessione, di poter contare sul gradimento di Balotelli, che in tempi non sospetti dichiarò di essere un tifoso rossonero fin da bambino, tuttavia gli ostacoli sul cammino di Galliani&Co. non sembrano affatto pochi. In primis l'accordo tra Inter e City del 2010 nascondeva una clausola che, di fatto da ai nerazzurri un diritto di prelazione in caso di cessione di Balotelli. un diritto che, poco ma sicuro, Moratti farà valere ad ogni costo pur di non vedere il suo ex pupillo in maglia rossonera.

L'altro ostacolo, al momento apparentemente insormontabile, è di natura economica: le casse del Milan non consentono investimenti di una certa portata e, a meno che Berlusconi non decida di intervenire in maniera diretta. Sulla carta, oggi, sembra fantascienza, eppure tutto potrebbe cambiare nei prossimi mesi, visto che si fanno sempre più insistenti le voci su un ingresso in società di alcuni investitori arabi. L'ipotesi sull'arrivo di capitali legati allo sceicco Mansur bin Zayd Al Nahyan sembra sulla carta quasi impossibile, visto che il coinvolgimento di Mansur, anche indirettamente, metterebbe a rischio la partecipazione di Manchester City e Milan alle coppe europee, visto che la UEFA vieta esplicitamente 'intrecci' di questo tipo. In ogni caso il Milan, per poter lanciare l'assalto a Balotelli, dovrà prima risolvere i problemi economici che lo affliggono e, visto il momento, per farlo non potrà che sperare di poter contare su capitali freschi provenienti dall'estero.

 

LEGGI ANCHE:

BALOTELLI - MANCINI, pesanti insulti per una sostituzione. Cessione inevitabile, il MILAN si fa avanti

CALCIOMERCATO MILAN. EL SHAARAWY, il Real Madrid pronto a strappare il 'Faraone' ai rossoneri  

CALCIOMERCATO. ROMA, PJANIC via a fine stagione? MILAN e JUVENTUS pronte al colpo

CALCIOMERCATO. JUVENTUS, Walcott e Llorente ad un passo, ma l'INTER prepara l'agguato

BALOTELLI. Ennesima scenata: Mancini è stufo, a gennaio sarà ceduto. INTER e MILAN alla finestra  

Mario Balotelli
( Foto : Reuters / )
Mario Balotelli a colloquio con Roberto Mancini
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia citata la fonte
Join the Conversation
IBTimes TV
SEGUI SPORTS & STARS
 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci