• Share
  • OkNotizie
  • 0
  • 0

Di Francesco Saverio Damiano | 15.11.2012 17:24 CET

Tutti gli appassionati di calcio ricordano l'Imperatore quando partiva palla al piede e non lo prendeva più nessuno, ora invece è tristemente noto per le sue avventure rocambolesche. Questa volta rischia seriamente il carcere, visto che è stato denunciato per lesioni colpose.

Seguici su Facebook

LA VICENDA. Il 24 dicembre 2011, la vigilia dello scorso Natale, Adriano e la sua guardia del corpo, l'ex poliziotto Julio Cesar de Oliveira, si trovavano a bordo della Bmw del calciatore in compagnia di quattro ragazze, ma una delle ragazze, Adriana Cyrilo Pinto, rimase ferita ad una mano a causa di un colpo di pistola partito accidentalmente. La ragazza quindi, ha deciso di denunciare sia Adriano che la guardia del corpo, che è il proprietario dell'arma. Entrambi dunque rischiano di scontare un anno di reclusione se ritenuti colpevoli.

LE VERSIONI DELLA RAGAZZA. La ragazza dichiarò subito alla polizia che Adriano era seduto al suo fianco con la pistola in mano quando partì il colpo, ma in seguito cambiò versione, affermando invece di essersi sparata da sola per sbaglio, e poi tornò ancore alla sua versione originale, affermando che a maneggiare la pistola in macchina era Adriano. Altre grane quindi, per l'Imperatore, che di recente ha anche concluso la sua carriera in maniera non proprio gloriosa, essendo stato scaricato dalla sua ultima squadra, il Flamengo di Rio de Janeiro.

LEGGI ANCHE: Fanno SESSO in strada durante la partita dell'ITALIA, condannati a Lecce

AS ROMA. LEANDRO GRECO sul caso DE ROSSI: "Società vergognosa"

VIDEO. IBRAHIMOVIC devastante nella parodia della TV francese

Mercato allenatori. MILAN: idea MAZZARRI

Adriano
(Foto: Reuters / )
L'Imperatore ne ha combinata un'altra delle sue
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • 0
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci