• Share
  • OkNotizie
  • +4
  • 0

Di Alessandro Proietti | 16.11.2012 09:48 CET

NEW YORK - Quello del post "Obama-bis" è un Bernanke che ha ritrovato la convinzione nel proprio operato, la fiducia nei propri mezzi. Da sempre convinto dell'estrema necessità ed utilità dei piani di alleggerimento quantitativo, era divenuto il simbolo della politica economica che non piaceva agli elettori di Romney. Una mancata rielezione di Obama avrebbe costretto la Federal Reserve ad una brusca virata, ad un abbandono progressivamente veloce delle politiche fino ad ora perseguite e, non da ultimo, si sarebbe palesata la non troppo remonta possibilità di un post-Bernanke.

Seguici su Facebook

La continuità politica con Obama ha implicato quella economica con Bernanke. Proprio il Presidente della Fed è tornato a parlare del settore immobiliare, punta dell'iceberg della crisi nata con i sub-prime.

Il settore immobiliare "sta migliorando, contribuendo alla crescita e alla creazione di posti di lavoro"; permangono, nonostante ciò, "significativi ostacoli (...) Il settore immobiliare non è ancora fuori dai guai (...) non siamo soddisfatti dei progressi finora avvenuti". Il puntare su tale segmento ed il sostentamento allo slancio "un problema cruciale per le istituzioni politiche e gli istituti di credito".

Il ritrovato Bernanke punta ancor più di prima sul programma di acquisto di bond collegati a mutui. La congiuntura economica ha bisogno di un sostegno da parte della Fed e i 40 miliardi di dollari mensili servono proprio a questo fine, secondo le idee del Presidente della Federal Reserve.

Le scelte effettuate sino ad ora dalla Banca centrale: "Stanno sostenendo in modo diretto il mercato immobiliare rendendo l'acquisto di una casa a portata di mano" per tutte le famiglie negli States. Continua, poi, la dura lotta alla disoccupazione che rende "abbastanza preoccupato" il chairman della Fed.

La speranza è che, in questa congiuntura, la poco "invisibile" mano del Governo non alimenti troppo dei livelli fittizi del segmento immobiliare, correndo il rischio di un nuovo crollo nello stesso istante in cui il programma di sostegno cesserà.

Bernanke
(Foto: Reuters / )
Federal Reserve Chairman Bernanke speaks during the HOPE Global Financial Dignity Summit in Atlanta
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +4
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci