• Share
  • OkNotizie
  • 0
  • 0

Di Gianluca Iozzi | 16.11.2012 16:06 CET

Ma per quale motivo ha deciso così il Consiglio? Nel provvedimento si legge che  "nelle more della decisione collegiale della domanda cautelare, la necessaria esecuzione della sentenza impugnata da parte della Presidente della Regione ovvero del commissario ad acta in via sostitutiva arrecherebbe all'appellante Regione un pregiudizio di estrema gravità quanto ai termini per l'esercizio del potere di indizione delle elezioni e ai contenuti che - a suo avviso - il provvedimento potrebbe avere". Dunque "ricorre un caso di estrema gravità e urgenza, in relazione al fine di evitare che la pronuncia collegiale sulla domanda cautelare intervenga quando le situazioni soggettive dedotte in giudizio sono state pregiudicate ed anche all'esigenza che il procedimento elettorale abbia inizio con un provvedimento dotato di stabilità".

Seguici su Facebook

La sentenza del Tar, invece, disponeva che qualora la dimissionaria Polverini non avesse provveduto a indire le elezioni nel termine stabilito, sarebbe stato nominato il ministro dell'Interno come commissario per attuare quanto disposto dai giudici amministrativi. Poiché" l'esigenza perseguita dalla legge elettorale della Regione Lazio -scrivono i giudici - è quella di garantire una tempestiva ricostituzione degli organi di governo regionale, secondo i principi costituzionali di efficacia e buon andamento e secondo il criterio di continuità di funzionamento delle pubbliche istituzioni".

A questo punto ci sono diversi scenari: in primis la data del voto potrebbe non coincidere con quella di Lombardia e Molise, stabilita lo scorso martedì 13 novembre, quando il ministro dell'Interno Anna Maria Cancellieri chiese ai prefetti di Milano e Campobasso di convocare i comizi per il voto - previsto per il 10 e 11 febbraio - e informò della decisione la governatrice del Lazio. Dunque ci sarà tempo per trovare una data che accorpi regionali, comunali e politiche (Alemanno terminerà il suo mandato ad Aprile 2013). Insomma si riaprono i giochi poiché l'ex governatrice annunciò che entro oggi avrebbe stabilito la data del voto, così come obbligata dalla sentenza del Tar.

Renata Polverini
(Foto: ibtimes / )
"Questa gente la mando a casa io"
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • 0
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci