• Share
  • OkNotizie
  • +3
  • 0

Di Giovanni Belelli | 21.11.2012 15:41 CET

Il ricercato John McAfee, fondatore dell’omonima società produttrice di antivirus per computer, sta raccontando la sua storia su internet. Inseguito dalla polizia perchè considerata persona rilevante su un caso di omicidio, il guru degli antivirus sta postando su internet tutte le vicessitudini legate alla sua latitanza: non sarebbe distante da casa.

Reuters
Ricercato dalle autorità per un caso di omicidio

Share This Story

Da non perdere

Seguici su Facebook

Secondo quanto postato sul suo blog, McAfee sarebbe rimasto nel complesso residenziale travestendosi: l’ex CEO si sarebbe annerito il volto indossando un abito messicano e avrebbe finto di essere un venditore di sculture in legno.

Una storia davvero incredibile che però potrebbe essere smentita dalla ex fidanzata che ha raccontato pubblicamente di non conoscere la posizione di John, ma esclude sicuramente che lui sia nelle vicinanze di casa. Insomma, la storia si infittisce sempre di più.

McAfee sostiene comunque di non essere colpevole di quello di cui lo accusano, né tantomeno di essere un’assassino. Secondo l’uomo, infatti, sarebbero gli stessi agenti a volerlo incastrare: lui infatti non avrebbe avuto motivo di uccidere Gregory Faull. A suo favore forse ci sarebbe anche una donna, che potrebbe fornire un’alibi per la notte dell’omicidio.

La storia sembra infittirsi sempre di più e non essere da meno alle più famose spy-story hollywoodiane. I media americani (e non solo) stanno seguendo con trepidazione la vicenda, cercando di capire quale sia la verità che circonda l’accaduto.

[Fonte: whoismcafee.com]

John McAfee
(Foto: Reuters / )
Ricercato dalle autorità per un caso di omicidio
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +3
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci