• Share
  • OkNotizie
  • 0
  • 0

Di Claudio Forleo | 22.11.2012 10:10 CET

Mentre c'è chi propone di snellire il nostro codice ipergarantista, passando da tre a due gradi di giudizio, c'è chi nel Pdl auspica invece di allungare ulteriormente i tempi dei processi. E' l'ultima tentazione del partito guidato da Silvio Berlusconi, che potrebbe esserne (guarda caso) "l'utilizzatore finale".

Seguici su Facebook

I senatori Giuseppe Valentino, Mariano Delogu, Franco Mugnai, Alberto Balboni e Carlo Sarro hanno presentato un emendamento al Decreto Sviluppo. Oltre a modificare la responsabilità civile delle toghe (già prevista in Italia) il Pdl intende introdurre una norma che consenta "la correzione o la revocazione con ricorso presentato alle Sezioni Unite di una sentenza della Cassazione" se questa "è affetta da manifesta violazione del diritto comunitario".

A rendere sospetto il tempismo di questa proposta sono due elementi: 1) la norma è retroattiva, il che permetterebbe di poterla utizzare anche nei procedimenti in cui le sentenze sono state "depositate nei due anni precedenti l'entrata in vigore". 2) Quale processo che interessa direttamente Silvio Berlusconi sta per giungere all'ultimo grado di giudizio? Quello sul risarcimento dovuto alla Cir di De Benedetti per la sentenza comprata del Lodo Mondadori, che negli anni Novanta consegnò la casa editrice all'allora tycoon televisivo. Un risarcimento  pari a 500 e rotti milioni di euro che non fa dormire il Cavaliere, anche perchè dovuto all'odiato rivale, la "tessera numero 1 del Pd" editore di Repubblica.

Ma vista a 360 gradi questa norma ingolferebbe ulteriormente una macchina della giustizia già oggi considerata lenta, pachidermica e obsoleta.  "Con un emendamento su una materia estranea al decreto Sviluppo, si cerca di smantellare il sistema giudiziario italiano" ha commentato il capogruppo Pd al Senato, Anna Finocchiaro. Di diverso avviso il firmatario Carlo Sarro: "È per evitare che i cittadini spendano un sacco di soldi per chiedere giustizia in Europa. Per ora il nostro emendamento è stato accantonato, ma speriamo che venga approvato al più presto".

Silvio Berlusconi si ricandida
(Foto: Reuters / )
Lo afferma la Santanché ad Affaritaliani.it : “Non ci sono dubbi, è il migliore”.
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia citata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • 0
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci