• Share
  • OkNotizie
  • +2
  • -1

Di Marco Locatelli | 22.11.2012 11:36 CET

Nintendo Wii U è finalmente disponibile dal 18 novembre in alcuni paesi, ma ancora non è chiaro se questa console sia in grado di offrire un'esperienza di gioco next-gen. La paura è che senza un software adeguato, l'hardware non può essere sfruttato al meglio. Allo stesso modo, un hardware poco performante sarebbe un grande ostacolo al software. Vediamo di seguito quali sono i problemi hardware e software della nuova ammiraglia di casa Nintendo.

Seguici su Facebook

Spazio su Disco e Software di Sistema - Il software di sistema Wii U occupa davvero troppo spazio. Dopo l'installazione di un pesante aggiornamento, infatti, i proprietari di Wii U si ritroveranno ben 5 GB di spazio in meno sul disco. Perdere più di metà del proprio spazio su disco a causa del sistema operativo (nel caso del modello da 8 GB contenuto nel "Basic Pack")  non è proprio una sensazione piacevole 

Sistema operativo pigro - Oltre ad occupare moltissimo spazio, il sistema operativo Wii U ha deti tempi di caricamento lunghissimi. All'apertura o chiusura di un'applicazione, si deve aspettare fino a 12/14 secondi, il che è decisamente inaccettabile per una console di ultimissima generazione. Come è possibile che un sistema operativo occupi tanto spazio su disco e richieda tempi di caricamento biblici? Qualcosa non torna.

Limitazioni memorizzazione esterna - È possibile ampliare lo spazio di archiviazione con una chiavetta USB o un disco rigido esterno. Ma vi sono alcuni problemi associati a queste aggiunte. Prima di tutto, le porte USB di Wii U sono ancora le obsolete 2.0, che hanno lasciato il posto alle 3.0 da ormai tre anni. Quindi, oltre a far funzionare i device esterni a rilento non consente di trasmetere più di 500 mA di energia. Le unità disco esterne sviluppate sulla specifica 3.0 richiedono una energia di almeno 900mA. I device 3.0 sono comunque compatibili, ma se si vuole acquistare un drive esterno 3.0 per Wii U sarà necessario comprarne uno dotato di alimentazione esterna, o acquistare un cavo USB splitter che permetta di acquisire energia da due porte.

Il GamePad innovativo - Indubbiamente il GamePad di Wii U ridefinisce la concezione di controller, ma alcune limitazioni impediscono di sfruttarne appieno le sue potenzialità. l touchscreen resistivo è meno preciso di quello capacitivo e la risoluzione dello schermo crea problemi con alcuni giochi come Darksiders II, che si base su piccole icone per rappresentare i singoli elementi nel vostro inventario.

Diversa da chi? - La possibilità di giocare direttamente sullo schermo del GamePad senza il televisore è una feature molto interessante. La distanza che si deve mantenere dalla console è di circa 10 metri, il che dovrebbe andare bene per tutte le situazioni. Il segnale viene inviato tramite connessione Bluetooth, visto che non il nuovo controller Nintendo non è dotato di Wi-Fi probabilmente per conservare l'energia della batteria e ridurre i costi di produzione (che dura comunque solo quattro ore).

Da Wii a Wii U - Nintendo consente ai vecchi utenti Wii di trasferire i loro dati sulla nuova console, ma il processo si rivela molto ingombrante a causa del DRM di Wii U. Si deve collegare il Wii e Wii U a internet, registrare la scheda SD online al Wii U, copiare i dati Wii alla stessa scheda SD e poi copiare i dati dalla scheda SD al Wii U.

In definitiva, l'intenzione da parte di Nintendo di rivoluzionare c'è, ma il risultato lascia molto a desiderare e quello che ci ritroviamo tra le mani non sembra di certo essere un hardware di prossima generazione. 

LEGGI ANCHE

Wii U smontata: ecco le specifiche definitive 

Wii U disponibile: svelati i segreti della nuova console Nintendo [VIDEO] 

Wii U, altri problemi: i giochi costeranno tantissimo? 

Wii U
(Foto: Nintendo / )
Wii U
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +2
  • -1

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci