• Share
  • OkNotizie
  • +7
  • -1

Di Valentina Beli | 23.11.2012 15:29 CET

Aggiungi un posto a tavola. Anzi novanta, per l'esattezza.  Potrebbe essere questo il nuovo spot elettorale  per le prossime Politiche. In tempi in cui non si fa altro che sentir parlare di tagli della casta, una cosa del genere suona strana, del tutto fuori posto.

Seguici su Facebook

 Novanta persone in più chiamate -tra i vari scopi- per ridurre il numero dei parlamentari. Dunque, per diminuire la pressione degli onorevoli sulle  tasche degli italiani verranno chiamate altre 90 persone, di cui dovremo pagare benefit e stipendi. Lo prevede un disegno di legge appena approvato dalla commissione Affari costituzionali del Senato.

Il loro incarico dovrà durare un anno, ma sappiamo bene come funzionano le tempistiche in Italia così, il rischio di pagare per più di un anno altri 90 stipendi oltre a quelli già esistenti, non è poi così remoto. Le novanta persone, scelte tra chi non ricopre incarichi elettivi, verranno chiamate a intervenire nella seconda parte della Costituzione sull'abolizione del bicameralismo perfetto e i poteri del Presidente della Repubblica.

"Il trattamento economico dei membri della commissione Costituente è pari a quello dei membri della Camera dei deputati, ivi comprese le indennità accessorie", hanno proposto l'onorevole Luciana Sbarbati e il suo collega Giampiero D'Alia. Così, dai 945 stipendi che già paghiamo, prepariamoci ad arrivare a 1,035. In nome dei tagli, per carità.

 

 

 

 

LEGGI ANCHE:

Sabato di fuoco: studenti si preparano alla presa di Roma 

E se fosse Report a querelare Di Pietro? 

Il Parlamento dice No alla riduzione degli stipendi 

 

 

L'aula di Montecitorio
(Foto: reuters / )
L'aula di Montecitorio
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +7
  • -1

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci