Cgil: 4 milioni di lavoratori hanno un lavoro precario. Il 93,2% sogna un contratto a tempo indeterminato.

  • Share
  • OkNotizie
  • 0
  • 0

Di Federica Geremia | 24.11.2012 13:05 CET

L'ennesimo dato Istat che fa riferimento all'occupazione delinea una situazione allarmante. Si stima che siano almeno 4 milioni i lavoratori che hanno un contratto a tempo determinato o un part time, quindi una condizione lavorativa non stabile.

Seguici su Facebook

Infatti, da quanto emerge da una ricerca Ires Cgil sui dati dell'Istat riferiti al primo semestre di ogni anno, dal 2008 al 2012 l'occupazione è calata del 2% nonostante il numero di persone in età da lavoro sia in costante crescita. In più, rispetto al 2008, coloro che non hanno un lavoro a tempo indeterminato sono in aumento del 21,4% e solo il 17,2% delle nuove assunzioni è un contratto di questo tipo.

Ma ciò che è importante sottolineare da quanto emerge da questo studio, è che chi è occupato lavora meno di quanto vorrebbe e spesso secondo condizioni diverse da quelle stipulate. Inoltre, i lavoratori impiegati con un contratto a termine hanno accettato l'impiego solo perché non avevano altra scelta.

Infatti, nella maggior parte dei casi, quest'ultimi sono genitori con figli a carico che non possono permettersi di rifiutare un lavoro, qualsiasi esso sia.Purtroppo però, i dipendenti stabili a tempo pieno stanno calando del 4,2%, gli autonomi full time del 6,1%, e se si aggiunge il calo dei part time stabili si supera il milione di persone. Di conseguenza aumentano i lavori involontari, quelli che si è costretti ad accettare.

Il presidente di fondazione Di Vittorio Fulvio Fammoni e il segretario nazionale del Cgil Serena Sorrentino hanno commentato questi dati con severa preoccupazione, poiché questi evidenziano la fine alla così detta "scelta personale dei lavoratori" dato che il 93,2% vorrebbe un contratto a tempo indeterminato. Inoltre, hanno sottolineato che "all'area del mancato lavoro - disoccupati, scoraggiati e cassaintegrati - si aggiunge quella del disagio nel lavoro, un bacino enorme di persone, una fotografia purtroppo realistica e drammatica della realtà".

Senza ombra di dubbio - aggiungono - "questo quadro è sicuramente determinato dalla crisi, ma anche e in modo evidente delle scelte sbagliate fatte per contrastarla che producono effetti insopportabilmente negativi sull'occupazione". Infatti,  "la legge 92/2012 di riforma del mercato del lavoro -in particolare su precarietà ed ammortizzatori sociali- è del tutto inadeguata ed ancor più paradossale appare il taglio che si annuncia nella legge di stabilità: due fattori che aumenteranno ulteriormente quest'area di disagio".

Lavoratori in fabbrica italiana
(Foto: Reuters / Max Rossi)
Lavoratori in fabbrica
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • 0
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci