• Share
  • OkNotizie
  • +1
  • 0

Di Sara Rotondi | 24.11.2012 15:09 CET

Una città blindata per una manifestazione che si preannunciava infuocata  e ad alta tensione.  Eppure tutto fila liscia per ora . "No alla distruzione della scuola pubblica" e "Contro crisi e austerità, riprendiamo la città".

Seguici su Facebook

Questi gli striscioni che i manifestanti hanno sventolato per rivendicare il più nobile dei loro diritti: lo studio e una scuola migliore, svuotata e lacerata dai tagli che l'hanno messa in ginocchio. Il popolo degli studenti, 20 mila a detta loro, partito da piazza della Repubblica e proseguito a Piramide e in quel di Piazza Venezia appare pacifico, nonostante gli allarmismi paventati dopo gli scontri del 14 novembre scorso, dove la tensione è esplosa sul Lungotevere e gli universitari si sono fronteggiati con le Forze dell'ordine. Si sfila anche in periferia nel famoso ventre del serpentone di Corviale, dove un gruppo di palestinesi si è riunito agitando le bandiere.

Tre flash mob in agenda oggi, uno a largo Bernardino da Feltre, il secondo della Cgil in piazza Farnese e l'altro alle 14.30 nel quartiere multietnico di piazza Vittorio. E intanto oggi pomeriggio si attende il défilé dell'estrema destra di CasaPound alle 16 da piazza Mazzini.

LEGGI ANCHE:

Storace in corsa al Campidoglio

Camorra, in manette baby boss degli "scissionisti"

"Grillo come la Lega del cappio"

 

Manifestazione studenti
(Foto: http://www.flickr.com/photos/m / )
Roma, manifestazione studenti
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia citata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +1
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci