CRISI INTER. SNEIJDER se non accetta diminuzione dell'ingaggio resta fuori

Di Francesco Saverio Damiano | 24.11.2012 19:43 CET
Dimensione testo + -

Wesley Sneijder  non è più una pedina fondamentale per l'Inter. Lo avevamo intuito quando l'olandese era stato escluso dalla lista dei convocati che poi hanno affrontato il Rubin Kazan, ma in quel caso c'era un'attenuante: erano stati esclusi molti altri veterani per quella trasferta: Handanovic, Samuel, Cambiasso, Nagatomo, Cassano e Milito. Voci di mercato però erano già scattate e vedevano Sneijder vicino all'Anzhi di Eto'o o al Milan in cambio di Robinho.

Seguici su Facebook

RINNOVO INCERTO. Questa volta però è più di un semplice sospetto: Wesley Sneijder non indosserà la maglia nerazzurra finchè non si troverà un accordo sul rinnovo contrattuale: ''Il tecnico e la società sono concordi nella scelta. Diamo a lui e al suo entourage il tempo per valutare la proposta. Wesley fa parte della storia dell'Inter ma la società e il tecnico sono concordi, finché non ci sarà la serenità del giocatore non ci sarà neanche una conferma tecnica'', ha infatti dichiarato a Sky il direttore tecnico nerazzurro Marco Branca. Massimo Moratti e soci hanno proposto al centrocampista olandese "una modifica contrattuale" che prevede un prolungamento del contratto solo se accompagnato da una diminuzione dell'ingaggio (che al momento supera i 6 milioni di euro netti a stagione).

SITUAZIONE DA CHIARIRE. Continua Branca: "La situazione di Wes, che fa parte della nostra storia e che è un giocatore cui tutti noi vogliamo bene, è che stiamo discutendo da tempo l'eventuale e per noi necessaria modifica contrattuale. In relazione a questa vicenda vogliamo lasciare tutto il tempo necessario al giocatore e al suo staff di valutare bene quelli che sono i termini della nostra proposta, quindi la decisione tecnica e della Società di non utilizzare in questo frangente il giocatore va ricondotta all'attesa di maggior serenità e di maggior chiarezza. Questo tra l'altro consentirà al nostro tecnico di dare più spazio ad altri giocatori. C'è una situazione che va ricondotta alla serenità e alla chiarezza progettuale, e in questo momento il tecnico e la società sono concordi nella scelta dell'attesa di questa serenità e di questa chiarezza per riprendere un discorso tecnico".

GENNAIO POVERO. Riguardo il mercato invernale non bisogna aspettarsi spese folli: "Credo che sarà differente da tutti gli altri anni. L'ultimo gennaio abbiamo preso un paio di giocatori, tre giocatori, per esigenze soprattutto di infortunio. L'anno prima prendemmo solamente a parametro zero Pandev. Quest'anno, visto che non tutti gli anni sono simili, ho già anticipato da tempo che noi crediamo nella forza del nostro gruppo. In questo momento la situazione economica attuale generalizzata e personalizzata non ci consente di programmare nessun tipo di spesa. Paulinho costa troppo? Io toglierei il nome e lascerei il 'costa'. Se c'è un 'costa' per noi non va bene in questo momento".

ARBITRI. Branca poi parla della questione arbitrale che dopo Cagliari ha fatto infuriare Moratti e tutto l'ambiente nerazzurro: "Credo che la nostra posizione sia stata da subito chiara perché chiaramente non rinneghiamo nulla di quello che abbiamo esternato, ma già prima della partita di Coppa tutto questo era già alle spalle. Abbiamo voltato pagina, abbiamo accettato anche le decisioni disciplinari. Ci dispiace per Antonio, ma è una cosa su cui abbiamo voltato pagina. Siamo consapevoli che soprattutto nel campionato c'è un percorso lungo da fare, non bisogna disperdere energie, visto che tra l'altro abbiamo anche qualche difficoltà numerica, abbiamo una serie di infortunati in settori specifici, che non ci consentono di gestire la partita come il tecnico vorrebbe, quindi dobbiamo far confluire tutte le nostre risorse per l'unica cosa che conta che è il risultato".

LEGGI ANCHE: As Roma. ZEMAN-DE ROSSI: Pace è fatta?

SERIE B. Ecco tutti i RISULTATI e GOL della 16^ giornata

BERLUSCONI: "Rimpiango IBRA, PATO è un problema

CAOS LAZIO. Rischia l'ESTROMISSIONE dall'Europa League

CONFESSIONE SHOCK dell'ex capitano del NAPOLI JULIANO: "Combinavamo le partite" 

 

Wesley Sneijder
( Foto : Reuters / )
Wesley Sneijder
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia citata la fonte
Join the Conversation
IBTimes TV
SEGUI SPORTS & STARS
 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci