• Share
  • OkNotizie
  • +2
  • 0

Di Sara Rotondi | 01.12.2012 12:57 CET

Renzi infuoca l'ultimo ring. Su Twitter e Facebook Matteo Renzi incendia quest'ultimo giorno di campagna elettorale per le primarie del centrosinistra e scrive su twitter: "Caro @pbersani, siamo entrambi a Milano. Ci prendiamo un caffè insieme e facciamo un appello alla serenità per domani?".

Seguici su Facebook

Bersani e Vendola nel Governo insieme

Diverso è invece il tono usato sulla sua pagina Facebook dove il sindaco di Firenze  ha pubblicato stamane un nuovo post con i "20 motivi di differenza tra noi e loro", rimarcando la distanza  tra "noi e loro".  E poi ritorna di nuovo  sul delicato tema delle regole. "Noi - scrive Renzi - abbiamo rispettato tutte le regole. E le pagine a pagamento comprate non erano per Renzi, ma per invitare al ballottaggio. Loro hanno scritto tutte le regole, ma si sono dimenticati di rispettarle. Dai manifesti di Roma agli annunci su La Stampa con scritto 'Vota Bersani'. Bisognerebbe diffidare dei moralisti senza morale".

Primarie, iscrizioni per ballottaggio anche via fax e mail

E sui passaggi sul finanziamento pubblico ai partiti e i costi della politica nostrana afferma : "Noi vogliamo abolire il finanziamento pubblico ai partiti. Loro no. Hanno giustificazioni nobili e risalgono persino a Pericle. Poi però votano con Fiorito l'aumento dei fondi in Regione Lazio". "Noi - si legge al punto 4 - non abbiamo vitalizi, perché il vitalizio è la morte della dignità della politica. Loro sì. Hanno i vitalizi. E li cumulano tra quelli regionali e quelli parlamentari". Infine Renzi torna sul punto forte della "rottamazione". "Noi  - chiosa il primo cittadino di Firenze - vogliamo mandare a casa chi è stato in Parlamento per quindici anni perché ci siamo dati delle regole. Loro si sono dati delle deroghe". "Noi - conclude al motivo numero 20 - se perdiamo saremo leali fino alla fine della campagna elettorale. Loro - dice D'Alema - diranno che è finito il centrosinistra".

E sulla battaglia elettorale di Renzi, il presidente dei garanti delle primarie nonché l'ex ministro Luigi Berlinguer, attacca l'invito alla registrazione avanzato dalle pagine di pubblicità pubblicate dai renziani. "Hanno organizzato il flusso sottraendone la personalizzazione, con modelli uguali e generici che hanno determinato un turbamento. Mi ha sorpreso la domanda firmata da Nino Bixio che spiegava di non aver potuto votare perché era in ospedale. Questa non è pressione di chi ha passione di votare. Tutti si concentrino sulla sobrietà e aiutino i comitati provinciali ed i seggi".

Leggi anche:

Primarie, inviato di Striscia vota 3 volte

Renzi, se vinco io nessuna stretta di mano con Casini

Matteo Renzi
(Foto: Reuters / )
"Troppe regole per gli elettori delle Primarie"
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia citata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +2
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci