• Share
  • OkNotizie
  • +2
  • 0

Di David Pascucci | 03.12.2012 09:29 CET

L'Europa si appresta a chiudere il quarto trimestre nel peggiore dei modi, anche in atttesa dei dati PMI di stamani, mentre negli Usa una flebile crescita sembra accompagnare i timori sul Fiscal Cliff. In tutto ciò, le economie dell'estremo oriente sembrano recuperare dai minimi di luglio-settembre, anche se la domanda delle aree sviluppate dell'occidente sembra incidere fortemente sulle riprese delle economie orientali. 

Seguici su Facebook

Le grandi economie emergenti hanno inciso molto sulla crescita globale e proprio negli ultimi tempi avevano dato segni di cedimento proprio nel periodo luglio-settembre. Le cose sembrano ora cambiare con il PMI cinese che si riprende quota 50 con un dato di novembre a 50,5, in salita rispetto al 49,5 di ottobre. In tal senso ricordiamo che nell'indice PMI, il valore 50 è lo spartiacque tra crescita e recessione. 

Dietro questi dati abbiamo però una Cina senza fondamenta stabili, totalmente dipendente dalla domanda dei paesi sviluppati, cioè gli importatori Ue e Usa. Il problema è che lo stato di salute degli importatori incide ancora in modo significativo sullo stato di salute del dragone cinese facendo sì che lo stato di recovering (recupero) dell'economia domestica non sia del tutto reale. 

La crisi attuale potrebbe quindi portare a conseguenze gravi per la Cina, paese fortemente dipendente dalla crisi globale della domanda. Altro paese che sta "soffrendo" è la Corea del Sud che, con un PMI sotto 50 per il sesto mese consecutivo, sta rallentando grazie anche ad una valuta rafforzatasi nel corso del 2012, un fattore molto importante che incide sul volume delle esportazioni. A differenza della Cina, la Corea del Sud vede però una crescita più stabile grazie a una classe media in consolidamento strutturale

Ad accusare il colpo della crisi di domanda globale è l'India, paese dove il tasso di crescita annuale è rivisto al ribasso, ben al di sotto delle stime attese nel corso del 2012. 

Fonte: Reuters, IBTimes IT 

India-Cina
(Foto: Reuters / )
Le bandiere della Cina e dell'India apposte sopra un tavolo di discussione dell'ultima riunione dei Brics.
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +2
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci