• Share
  • OkNotizie
  • +3
  • 0

Di Claudio Forleo | 03.12.2012 21:18 CET

Secondo alcuni (Loris Mazzetti sul Fatto Quotidiano) il primo sfizio che vorrà togliersi il Cavaliere a partire dal 1° gennaio 2013, data in cui la legge Gasparri consentirà a chi possiede reti televisive di acquisire anche la proprietà di giornali, si chiama Corriere della Sera.

Reuters
Germana Lancia una delle candidate alla premiership del Pdl

Share This Story

Da non perdere

Argomenti correlati

Seguici su Facebook

Rcs Media Group, che edita il quotidiano, è in difficoltà. Parte del gotha della finanza e dell'imprenditoria che governa in via Solferino (Mediobanca, Intesa San Paolo, Fiat, Pirelli, Gruppo Benetton, Ligresti, Generali) potrebbe avere interesse a cedere quote e modificare quel patto di sindacato che tira le fila della più prestigiosa testata giornalistica italiana. In fila ci sono già Giuseppe Rotelli (un impero nella sanità, recentemente si è preso anche il San Raffaele, già in possesso del 15% delle azioni, ma finora escluso dal "patto") e Andrea Della Valle, da tempo in rotta con i "mammasantissima" di Rcs.

Si aggiungerà anche Berlusconi? Che il Corriere rappresenti un cruccio per il Cavaliere è cosa nota. Inserendo la figlia Marina (numero uno di Mondadori) nel cda di Mediobanca (dal 2008), l'ex premier è riuscito ad avere in qualche modo voce in capitolo dalle parti di via Solferino. Ma non è sufficiente. Anche perchè il quotidiano milanese è sempre stato una sorta di club esclusivo nel quale lui, anche prima di entrare in politica, non è mai stato accettato.

Ma cosa cambia dal prossimo 1° gennaio?Quando venne emanata (2004) la Legge Gasparri vietava il possesso di "un quotidiano su carta agli editori tv proprietari di almeno due reti nazionali". Una norma  paradossalmente "contra-personam" (voluta dall'Udc che governava con il Cavaliere), per evitare che Berlusconi potesse mettere le mani su altri giornali e aumentare ulteriormente il controllo sull'informazione (norma comunque aggirabile come dimostra il caso del Giornale, edito dal fratello Paolo) e sul mercato pubblicitario.

Il problema era che la norma aveva una data di scadenza ben precisa: 31 dicembre 2010. Di proroga in proroga (l'ultima fu approvata nel marzo 2011), si è arrivati al prossimo 31 dicembre. Dal giorno successivo Berlusconi, per quanto le sue aziende non se la stiano passando bene, avrà le mani libere, a meno che il governo Monti non intervenga. Ma tra una legge elettorale da modificare, un bilancio da approvare e svariati decreti in scadenza, sarà difficile trovare il tempo. Sempre che ci sia la volontà.

Silvio Berlusconi
(Foto: Reuters / )
Germana Lancia una delle candidate alla premiership del Pdl
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +3
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci