Dolce e Gabbana: inizia il processo

Di Giulia Bazzocchi | 04.12.2012 17:55 CET
Dimensione testo + -

Rischiano una condanna di cinque anni di carcere gli stilisti Domenico Dolce e Stefano Gabbana se non riusciranno a difendersi dall'accusa di evasione fiscale. Il prcesso che li vede convoliti è iniziato ieri a Milano, ma l'udienza è stata rinviata al prossimo 14 dicembre a seguito della richiesta da parte dei loro avvocati dell'annullamento per irregolarità di notifica.

Seguici su Facebook

L'accusa che verte sui due imprenditori ben noti nel mondo della moda è quella di non avere dichiarato le tasse sulle royalties per una cifra di circa 1 miliardo di euro. Secondo la tesi della Procura, i marchi D&G e Dolce & Gabbana sarebbero stati venduti ad una società che Stefano Dolce e Domenico Gabbana hanno creato nel 2004 in Lussemburgo con l'intento specifico di non pagare le tasse in Italia, dove sono tra le più alte. I due naturalmente negano i fatti e ieri mattina in tribunale non si sono presentati. L'anno scorso, in un primo momento erano stati assolti dall'accusa di frode fiscale dal tribunale di Milano. Ma al grado successivo il verdetto è stato capovolto. Ora sono rinviati a giudizio e con loro vi sono altre sei persone, tra cui un consulente fiscale.

 

Fonte: Fashionmag.com

 

 

Un'immagine di una boutique Dolce
Credits: Wikimedia Commons
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
Join the Conversation
IBTimes TV