• Share
  • OkNotizie
  • +1
  • -1

Di Giovanni Tortoriello | 05.12.2012 21:29 CET

85 casi di morte prematura all'anno. Sono questi i dati allarmanti emersi da uno studio realizzato da Greenpeace in merito all'impatto sanitario del progetto di conversione del sito di Porto Tolle in centrale a carbone presentato da Enel

REUTERS
La nuova centrale a ciclo combinato alimentata a idrogeno dell'Enel SpA è rappresentata all'interno dello stabilimento Andrea Palladio Fusina a Venezia 12 luglio, 2010

Share This Story

Da non perdere

Seguici su Facebook

La ricerca, eseguita utilizzando un modello scientificamente validato dell'Università di Stoccarda (Ecosense Web) e tarato sulle condizioni specifiche del sito di Porto Tolle, effettua previsioni  per le ricadute sanitarie di una centrale a carbone nel Parco del Delta del Po. Dai risultati emergono ripercussioni ancora più nefaste rispetto a quanto stimato nello studio commissionato alcuni mesi fa da Greenpeace all'istituto di ricerca olandese SOMO che aveva utilizzato parametri dell'Agenzia Europea per l'Ambiente.

Nel documento rilasciato da Greenpeace si legge: "Tenuto conto che il risultato del rapporto SOMO di 62 casi di morte prematura all'anno era riferito a un funzionamento di 7.500 ore l'anno, il che corrisponde a circa 54 casi/anno se riferito a 6.500 ore di funzionamento, l'impatto calcolato con EcoSenseWeb  sarebbe di circa il 57% in più rispetto a quanto prevede il modello di valutazione dei costi esterni adottato dal rapporto EEA come elaborato dal rapporto SOMO"

Lo studio di Greenpeace pone come alternativa al carbone la conversione a gas dell'impianto. Secondo i dati emersi nel rapporto, a parità di energia prodotta, l'impianto a carbone presenterebbe costi due volte e mezzo superiori rispetto a quello a gas. Inoltre se si focalizza l'attenzione sui danni da inquinamento, il carbone presenta un impatto di 5,5 volte superiore a quello del gas. Infine, in termini di mortalità prematura, l'impatto del carbone è 6,9 volte maggiore rispetto al gas.

Dopo aver ricordato i dati emersi nello studio, Giuseppe Onufrio, direttore esecutivo di Greenpeace italia, ha commentato: "Va sottolineato come la mortalità in eccesso è effetto dell'emissione e, soprattutto, della formazione di polveri sottili (PM 2.5) e dei picchi di ozono, fattori entrambi connessi agli inquinanti prodotti dalla centrale. In Pianura Padana la concentrazione di PM 2.5 è già critica e una centrale a carbone darebbe un ulteriore contributo negativo. Questo è un motivo di grande allarme ambientale e sanitario che chiediamo venga tenuto in debito conto nel processo di valutazione ambientale".

Greenpeace ha già consegnato i risultati dello studio al Ministero dell'Ambiente che lo scorso 30 novembre ha riaperto la procedura di Valutazione d'impatto ambientale per la conversione a carbone della centrale Enel di Porto Tolle.

 

Fonte: Greenpeace

Leggi anche:

"Enel killer del clima", la mongolfiera con la scritta in Romania

"Facciamo luce su Enel": Greenpeace dice la verità

Greenpeace accusa Enel: un morto al giorno a causa della CO2

Porto Tolle, Grenpeace: "Da centrale a carbone 85 morti premature l'anno"
(Foto: REUTERS / Alessandro Garofalo)
La nuova centrale a ciclo combinato alimentata a idrogeno dell'Enel SpA è rappresentata all'interno dello stabilimento Andrea Palladio Fusina a Venezia 12 luglio, 2010
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +1
  • -1

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci