• Share
  • OkNotizie
  • +2
  • 0

Di C.F. | 08.12.2012 13:09 CET

La querelle è deflagrata dopo l'omicidio nel cortile della scuola di Scampia. "Dove è finito il sogno? Dove è finita la speranza di 'Napoli comincia a Scampia'? Di una città che iniziava a Scampia e che non finiva nei confini della città, ingorgandosi nei quartieri di periferia" chiedeva Roberto Saviano in un articolo in cui attaccava il sindaco Luigi De Magistris.

Seguici su Facebook

"Possibile che non si abbia il coraggio e l'onestà di ammettere che se a Napoli non si affronta davvero la questione Scampia non ci sarà mai reale rinascita? - continua l'autore di Gomorra - Ieri mi è venuta in mente quella scena di Johnny Stecchino in cui si sente dire: 'Il problema di Palermo è il traffico'. Mi è venuta in mente perché, oltre alle emergenze rifiuti, alle promesse fatte e non mantenute, ai volti di giovani amministratori sbandierati in campagna elettorale e poi subito allontanati, ciò che accomuna le ultime amministrazioni di Napoli, da "piazza Plebiscito liberata" al "Lungomare liberato" è una costante, sbandierata, senza tregua lotta alle automobili".

La risposta del sindaco non si è lasciata attendere: "Non mi appassiona l'interlocuzione con Saviano. Gli dico solo, perché non vieni a Napoli a lavorare, a metterti a disposizione? Va bene andare da Fazio, va bene scrivere gli editoriali su Repubblica, ma Napoli bisogna viverla. Mi sono simpatici gli intellettuali napoletani che sono andati a vivere fuori ma mi sono ancora più simpatici quelli che rimangono. Io potevo rimanere a Bruxelles, guadagnare il quadruplo ma ho deciso di stare a Napoli".

Roberto Saviano
(Foto: Reuters / Alessandro Bianchi/Files)
Roberto Saviano.
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +2
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci