• Share
  • OkNotizie
  • +2
  • 0

Di Antonio D'Aronzo | 09.12.2012 14:25 CET

Domani scopriremo se la politica sarà ancora il tema dominante sui mercati finanziari e soprattutto a Piazza Affari. Durante la seduta di venerdì  il FtseMib è caduto in ribasso sulla scia delle preoccupazioni determinate dall'incertezza del quadro politico in casa nostra, che ha visto il segretario del PDL dichiarare "finita l'esperienza del governo Monti" e l'ex premier Silvio Berlusconi annunciare la sua discesa in campo per far fronte all'emergenza sul piano finanziario. Le due notizie sono totalmente negative per i mercati, che non hanno mai apprezzato le incertezze sul piano governativo e istituzionale e che in passato hanno "sfiduciato" proprio il governo Berlusconi  a causa della mancanza di serietà e competenza. A completare il quadro negativo la decisione del premier Mario Monti che ieri sera ha annunciato le proprie dimissioni. A questo punto non ci resta che interpretare la situazione per attuare al meglio le nostre strategie operative.

Seguici su Facebook

Analisi FtseMib:

Questa settimana era iniziata con l'indice ben intonato, tanto da superare i 16.000 punti, arrivando anche a toccare i 16.200 punti. Da questo livello le vendite hanno prevalso, spingendo le quotazioni prima verso i 15.850 punti e poi fino all'area 15.550, toccati durante la seduta di venerdì, archiviata a ridosso dei 15.700 punti. Questa è una soglia particolarmente importante in quanto, in corrispondenza di questo punto, ci sono sia la trendline ribassista che era stata perforata durante le prime sedute di questa settimana, sia la trendline rialzista che parte dai minimi del 24 luglio. Però non bisogna lasciarsi intimorire da un'eventuale rottura di quest'ultima, poiché l'impostazione di fondo è ancora rialzista e i corsi troveranno supporti rilevanti, in prossimità dei quali torneranno gli acquirenti. Innanzitutto questa può essere l'occasione per assistere alla chiusura del gap lasciato aperto il 29 Novembre, situato intorno ai 15.450 punti, primo supporto valido per una ripresa degli acquisti.  In mancanza di ciò bisognerà considerare il livello dei 15.250 punti, altro supporto che vede anche il passaggio della MM100, ad oggi.

Sul fronte opposto un recupero dei 15.850/15.900 darà spazio per un rialzo verso i 16.200 punti, oltrepassati i quali le quotazioni si spingeranno verso i 16.500 punti.  Ma a questo punto sarà necessaria una nuova analisi.

Comunque per adesso è meglio attendere nuovi segnali e soprattutto le novità sul fronte politico per l'apertura di nuove posizioni. Per coloro che amano il trading e il rischio, una strategia short fino ai livelli del gap non è impensabile.

 

Buon trading a tutti.

 

 

© International Business Times: riproduzione permessa purché sia citata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +2
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci