• Share
  • OkNotizie
  • +3
  • 0

Di Costabile Gallo | 09.12.2012 15:19 CET

Sono giorni convulsi quelli che sta vivendo per la più antica banca del mondo che si trova ad affrontare il nodo dei Monti Bond, ancora in fase di stallo.

Seguici su Facebook

L'anno che sta per chiudersi è stato uno dei più importanti per la Banca coinvolta in un cambio dei vertici dirigenziali che ha portato ad un piano industriale che prevede 4600 licenziamenti e fondamentale sarà l'iniezione di capitali freschi, attraverso i Monti Bond, per rispettare le soglie patrimoniali fissate dall'Eba.

Il malcontento è forte non solo nella cittadina Toscana.

Intanto si apprende che la Monte dei Paschi di Siena, dopo essere stata protagonista di un reportage della trasmissione di Rai 3 Report che portò gli uomini delle Fiamme Gialle ad una perquisizione nella sede della Direzione Generale dell'Istituto, è finita di nuovo sotto la lente del team della Gabanelli che, questa sera, si occuperà di nuovo della banca di Rocca Salimbeni.

Come si apprende dalle anticipazioni del Corriere della Sera a finire sotto accusa sono le obbligazioni trentennali "Casaforte" emesse nel 2010.

Una brutta sorpresa aspetta i clienti MPS sottoscrittori dei bond che sicuramente resteranno delusi quando si accorgeranno che la cedola semestrale in scadenza renderà meno del 2%.

Casaforte era nata nel 2009; in quell'anno,  il Gruppo MPS, cede ad un consorzio composto da BMPS, Mediobanca e AXA, 683 filiali. Il consorzio acquista le filiali attraverso un mutuo erogato dalla stessa MPS. L'Istituto senese, per non comparire nell'operazione come creditore, finanzia una società olandese che fonda una società italiana, Casaforte appunto, che rileva il credito che MPS vanta nei confronti del consorzio.

A questo punto, nel 2010 MPS colloca 1,5 miliardi di euro di obbligazioni di Casaforte, obbligazioni proposte prevalentemente ai clienti della stessa Banca; l'operazione assicura 430 milioni di euro di plusvalenza che permette una lauta ricompensa, in termini di utili, agli azionisti del gruppo toscano.

Nonostante ciò, poco spetterà ai piccoli risparmiatori e le cose sembrano ancor più complicarsi a fronte di politiche di investimento sbagliate degli anni passati come ha ammesso lo stesso direttore finanziario Mingrone pochi giorni fa.

La nuova puntata di Report prospetta un nuovo terremoto sull'Istituto senese.

 

 

Euro
(Foto: Reuters/Dado Ruvic / )
Euro banknotes are placed on a currency graph in this picture illustration taken January 22, 2011.
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia citata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +3
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci