Lo stile bon ton

Di Giulia Bazzocchi | 12.12.2012 17:27 CET
Dimensione testo + -

È una di quelle tendenze che non passano mai di moda. Forse perchè si basa su concetti evergreen quali, eleganza, femminilità e semplicità. Lo stile bon ton ha origini che risalgono tra la fine degli anni 40 e l'inizio dei '50 ed è il modo di vestire delle donne di classe, che amano essere sobrie, mai volgari, dall'allure raffinata e chic. L'icona indimenticabile di questa tendenza è Audrey Hepburn e il suo immancabile tubino nero, decorato da un filo di perle e da un paio di decolleté dal tacco a spillo. Oggi nella società attuale è possibile ricreare questo look che fa tanto brava ragazza o "collegiale" anche traendo ispirazione dal personaggio di Blair Waldorf della serie Gossip Girl interpretata dall'attrice Leighton Meester.

Share This Story

Da non perdere

Seguici su Facebook

I capi che più rappresentano gli outfit bon ton sono gli abitini da cocktail dalla lunghezza a mezza coscia, di pizzo o di raso che creano un look raffinato e allo stesso tempo romantico. Gonne strette che arrivano al ginocchio, ma anche gonne a pieghe rigorosamente nere; giacchine svasate in tweed vintage, o nei colori accesi del rosso, viola prugna, borgogna, rosa antico, camicie e blazer avorio o nei toni pastello. Il tutto correlato da cappottini di lana colorati o trench di taglio dritto che seguono la silhouette.

Per quanto riguarda gli accessori, se si pensa a Blair Waldorf, è impossibile non ricordare la sua collezione di cerchietti e fasce per i capelli che esaltano il concetto di una femminilità ostentata, quasi da bambina. Ma chi invece non ama rischiare di dimostrare un'età un po' troppo inferiore a quella che ha realmente, può optare per un foulard colorato da portare annodato tra i capelli o al collo, calze parigine abbinate e giri di perle a volontà, che illuminano e regalano un tocco di classe anche all'outfit più sobrio. Ai piedi non possono mancare i tacchi: decolleté, peep toe, francesine, stivaletti alla caviglia.

 

 

Blair Waldorf
Credits: GB
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
Join the Conversation
IBTimes TV