• Share
  • OkNotizie
  • +2
  • 0

Di Marco Locatelli | 13.12.2012 19:40 CET

Arriva dall'Olanda il cemento che si autorigenera, sviluppato dal microbiologo Henk Jonkers e l'esperto di tecnologia dei materiali Eric Schlangen, entrambi ricercatori della Delft Technical University. Per ottenere questo eccezionale risultato, i due ricercatori hanno combinato dei batteri con una semplice pasta di cemento che, con il passare di un mese, hanno dato alla luce tre differenti spore batteriche ancora viventi.

Seguici su Facebook

È da questo principio che poi i due studiosi olandesi hanno portato avanti le loro ricerche, utilizzando il batterio Bacillus, in grado di sopravvivere per molto tempo in uno stato semi-dormiente all'interno del cemento, per risvegliarsi immediatamente al contatto con l'acqua piovana che, solitamente, si infiltra nelle fessure del conglomerato. In questo modo, il batterio tappa letteralmente i buchi del materiale semplicemente attraverso la proliferazione.

Il Dottor Jonkers ha dichiarato in merito ai risultati sinora raggiunti: "In laboratorio siamo stati in grado di ottenere l'autorigenerazione di crepe fino ad una larghezza di 0,5 mm. Ora dobbiamo fare un ulteriore passo avanti. Producendo l'agente autorigenerante in grandi quantità potremo avviare dei test esterni, per verificarne le proprietà in base a differenti costruzioni e differenti tipologie di cemento, e scoprire se questo concetto può essere davvero applicato alla pratica".

Lo scoglio più ostico da superare è quello di riuscire a mantenere in vita il batterio per tutto il processo di miscela, il che è risolvibile solo rivestendo le particelle tramite una tecnica molto costosa. I due ricercatori cercheranno quindi di abbattere i costi al minimo e poter così procedere con nuovi test.

Per quanto riguarda la commercializzazione la strada sembra ancora molto lunga e tutta in salita: si parla di almeno altri due anni. Le società interessate al prodotto - se questo dovesse rivelarsi valido - sono molte.

LEGGI ANCHE

Arriva il cemento green: è più resistente e si produce con il 10% di energia rispetto al tradizionale 

La discarica che diventa impianto fotovoltaico: è successo nel comune di Magnacavallo 

Cemento
(Foto: Delft Univeristy of Technology / )
Cemento che si ripara da solo
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +2
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci