• Share
  • OkNotizie
  • 0
  • 0

Di Giovanni Tortoriello | 15.12.2012 15:01 CET

"Vi sono molte descrizioni sulla mancanza di una cultura della sicurezza e sulle nostre cattive abitudini. Ammettiamo, ammettiamo completamente quella parte del report parlamentare". A parlare è Takefumi Anegawa, capo della taskforce di riforma della Tepco.

Seguici su Facebook

Queste dichiarazioni sono le prime, vere, ammissioni di responsabilità rilasciate da un funzionario dell'agenzia energetica accusata della pessima gestione degli impianti di Fukushima. Anegawa le ha rilasciate in una conferenza stampa tanutasi a Tokyo presso il Centro della stampa estera del Giappone a seguito di una precisa domanda nella quale gli è stato chiesto se la società condivide il report parlamentare rilasciato a luglio dove si sottolineano le responsabilità dell'azienda e si denuncia la "collusione" tra governo, autorità di regolamentazione e azienda.

Lo scorso giugno, invece, pubblicando una propria relazione sul disastro, la Tokyo Electric Power aveva rigettato ogni accusa imputando il disastro unicamente allo tsunami e ammettendo solamente di non essere stata sufficientemente preparata per un evento del genere. Solo pochi mesi fa, inoltre, il presidente della Tepco Naomi Hirose si era detto sconcertato per le accuse rivolte al suo gruppo.

Dopo che lo scorso ottobre l'azienda aveva detto che il disastro si poteva evitare, Anegawa, pur criticando alcune parti del report, ha definitivamente ammesso la totale mancanza di una cultura della sicurezza da parte di Tepco e ha aggiunto: "Ammettiamo le indagini sulla nostra cultura organizzativa, faremo di tutto per cambiare".

Cambiamento che, tuttavia, appare ancora lontano. Intervistato da "Il Corriere della Sera" per il blog "Le vie dell'Asia", il giornalista Shun Kirishima ha parlato del suo libro-inchiesta su Fukushima.

Dopo essersi fatto assumere come qualsiasi altro dipendente, il cronista ha potuto guardare da vicino come viene gestita la centrale: selezione del personale che lui stesso definisce "ridicola" ("Non mi chiedono niente, non ho alcuna qualifica, ma mi prendono. E si dimenticano perfino di farmi firmare l'impegnativa che impone a tutti di non divulgare informazioni su quello che accade"), condizioni di sicurezza per i lavoratori inadeguate ("Ci fanno una visita medica all'inizio. I vestiti sono nostri, loro ci passano la tuta bianca e la maschera. Una lezione teorica e via, a lavorare") e retribuzione che non supera i 10mila yen al giorno, meno di 100 euro ("A Tokyo, facendo il muratore, di yen ne avrei presi 12mila. Il fatto è che nessuno vuole andare a lavorare a Fukushima, accettano solo i disperati, i giovanissimi, quelli che non hanno alcuna consapevolezza dei rischi").

Secondo l'Earth Policy Institute, dal 2006 al 2011 la produzione di energia nucleare è calata del 5%. Una riduzione dovuta all'effetto Fukushima che ha stoppato la costruzione di nuove centrali in Europa, ma anche all'aumento dei costi.

Nell'ultimo anno in tutto il mondo sono entrati in funzione 7 nuovi reattori, tre dei quali in Cina. E proprio il Paese asiatico, pur investendo contemporaneamente sulle rinnovabili, intende continuare ad investire nel nucleare costruendo centrali per un totale di oltre 26mila megawatts, nonostante Fukushima e nonostante la lezione imparata da Shun Kirishima lavorando nei luoghi del disastro: "Fare errore fatali, in una centrale, è facilissimo- ricorda sulle pagine del Corrirere, poi chiosa- E basta questo per dire no".

[Fonti: The Guardian, Il Corriere della Sera, Treehugger]

 

Leggi anche:

Fukushima, farfalle mutanti dopo il disastro nucleare

Cina pronta a investire sul nucleare nel Regno Unito. Guardian: "Conseguenze drammatiche"

Fukushima, dosimetri truccati per gli operai. governo e Tepco credono al mito del nucleare sicuro

Fukushima, fino a 1300 morti e 2500 casi di cancro. I numeri di Stanford

Fukushima non è stato un disastro naturale: "Fu provocato dall'uomo"

 

 

 

 

Fukushima
(Foto: Reuters / )
Il governo ha previsto lo smantellamento dei dieci reattori nucleari della centrale di Fukushima
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia citata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • 0
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci